NetApp e Cisco rafforzano la loro partnership con il lancio di FlexPod XCS

NetApp e Cisco rafforzano la loro partnership con il lancio di FlexPod XCS

Le nuove funzionalità miglioreranno la connettività e l’automazione del cloud ibrido per ridurre i costi e migliorare l’accessibilità attraverso l’integrazione dei fornitori di soluzioni cloud native

NetApp e Cisco hanno annunciato FlexPod XCS, la nuova versione di FlexPod, fornendo una piattaforma automatizzata per applicazioni moderne, dati e servizi di cloud ibrido.

FlexPod è una piattaforma integrata di tecnologie storage, networking e server pre-validate, nata dalla collaborazione tra Cisco e NetApp. La nuova piattaforma FlexPod XCS è progettata per accelerare la distribuzione di applicazioni e dati in un ambiente cloud ibrido. FlexPod XCS è la prima e unica soluzione di cloud ibrido che si integra nativamente con i tre principali cloud provider a livello mondiale. Inoltre, attraverso la questa piattaforma, le aziende potranno utilizzare FlexPod-as-a-Service, un modello di pricing pay-as-you-grow per una maggiore agilità finanziaria ed operativa.

FlexPod XCS semplifica l’esperienza hybrid cloud potenziando l’accessibilità e la scalabilità ed estendendo l’infrastruttura dall’ On-premises e cloud edge al cloud ibrido. Questa nuova offerta pone le basi per un’ulteriore innovazione che porterà sul mercato nuove soluzioni di cloud ibrido, container e carichi di lavoro moderni.

FlexPod XCS integra di nuove funzionalità:

  • Hybrid Cloud Connectivity: Estendendo la rete di dati delle organizzazioni, i clienti ottengono la certezza operativa di mettere le app e i dati giusti nel posto giusto al momento giusto.
  • Automazione: maggiore automazione dell’infrastruttura in tutte le fasi del ciclo di vita attraverso Cisco Intersight Cloud Orchestrator, gli script e i flussi di lavoro automatizzati di NetApp per semplificare le operazioni IT quotidiane, tra cui la configurazione, l’implementazione, l’espansione, il consumo e l’ottimizzazione dell’infrastruttura.
  • Visibilità: una visione migliorata e unificata di tutti i componenti di FlexPod attraverso Cisco Intersight, consentendo alle organizzazioni di rispondere alle loro esigenze di business più rapidamente e di prendere decisioni più intelligenti in merito all’allocazione delle risorse.
  • FlexPod-as-a-Service: grazie a FlexPod-as-a-Service, i costi iniziali si riducono,  ed è possibile personalizzare le opzioni di acquisto in base al budget e all’utilizzo.
  • Nuova architettura di riferimento con istanze NetApp Cloud Volumes ONTAP® (CVO) in AWS: Integrazione di FlexPod XCS e ONTAP con automazione tramite Cisco Intersight
Leggi anche:  Lenovo presenta la workstation ThinkStation P620 di nuova generazione con processore AMD Ryzen Threadripper PRO

FlexPod XCS permette anche ai dipartimenti IT di ottenere nuovi insight con visibilità full-stack e capacità di automazione personalizzate che aumentano la produttività operativa. Inoltre, il nuovo modello di consumo FlexPod-as-a-Service permette ai clienti di avere più flessibilità finanziaria e operativa allineando i costi in base all’uso.

“La nostra relazione strategica con NetApp continua a creare valore per le aziende attraverso una profonda integrazione tecnologica volta ad affrontare e risolvere le più grandi sfide dei nostri clienti”, ha detto Enrico Mercadante, Architectures Sales and Innovation Southern Europe di Cisco. “FlexPod XCS powered by Cisco Intersight offre importanti nuove funzionalità come l’automazione, la visibilità e tutte operazioni di cloud ibrido integrate in una singola piattaforma unificata per le moderne app, i dati e i servizi di cloud ibrido”.

“Siamo orgogliosi della nostra continua innovazione con Cisco e del lavoro fatto con FlexPod XCS”, ha detto Davide Marini, Italy Country Manager Netapp. “Grazie ad una partnership di dodici anni insieme a Cisco, FlexPod XCS combina le nostre migliori tecnologie, consentendo alle aziende di utilizzare nuovi servizi in modo più efficiente nell’edge, sul core o nel cloud”.

FlexPod XCS si prevede sarà disponibile a livello globale a metà del 2022.