Cisco: nuovi dispositivi Webex per migliorare il lavoro da remoto

Cisco: nuovi dispositivi Webex per migliorare il lavoro da remoto

Webex Room Bar: tutti coinvolti allo stesso modo. Cisco Desk Camera 1080p: scrivanie sempre più condivise. Al via una nuova collaborazione con Chrome OS

Cisco ha presentato in questi giorni due nuove soluzioni che permettono a dipendenti e ad aziende di svolgere la propria attività di lavoro a distanza in maniera efficiente e inclusiva.

  • La prima soluzione si chiama Webex Room Bar, ed è in grado di trasformare le piccole sale e gli spazi per riunioni in veri e propri hub per la collaborazione intelligente. Il dispositivo utilizza infatti l’intelligenza artificiale per assicurarsi che tutti i partecipanti alla riunione siano perfettamente inquadrati tramite la fotocamera grandangolare da 12 MP con zoom digitale 5x, in modo da far sentire tutti egualmente coinvolti. L’audio spaziale integrato fa sì che i partecipanti alla riunione si sentano come se fossero nella stessa stanza, mentre la funzionalità di eliminazione del rumore di fondo  abilitata sempre dall’intelligenza artificiale – riduce al minimo le interferenze permettendo ai partecipanti di ascoltare la conversazione senza alcun disturbo. Inoltre l’interoperabilità video con terze parti permette di partecipare a qualsiasi riunione, incluse quelle Zoom, Microsoft Teams e Google Meet.
  • La seconda soluzione ottimizza invece l’utilizzo di scrivanie condivise, un fenomeno sempre più frequente nel nuovo mondo del lavoro a distanza. Con Cisco Desk Camera 1080p è possibile quindi personalizzare la propria postazione di lavoro:  basta collegarsi con il proprio profilo Webex personale e iniziare a collaborare come se si fosse tutti nella stessa stanza. La Desk Camera 1080p è dotata di microfoni omnidirezionali e della funzionalità di riconoscimento dei volti, e offre inoltre le migliori funzionalità di esposizione e messa a fuoco automatiche e bilanciamento del bianco. Lo zoom digitale 4x, il sensore di immagine da 8 MP e il campo visivo di 83 gradi offrono agli utenti un’esperienza eccezionale.
Leggi anche:  Scoprire il valore dei dati grazie allo sport

Webex Meetings PWA

Il mondo del cosiddetto “lavoro ibrido” sta diventando sempre più esigente in termini di device e applicazioni, e richiede una maggiore adattabilità. Per indirizzare queste specifiche esigenze, Cisco ha sviluppato in collaborazione con Google, Progressive Web Application (PWA) per Webex Meetings, destinata a tutti i dispositivi Chrome OS. PWA coniuga la semplicità della tecnologia web-based alla solidità delle applicazioni on-premises: il risultato si traduce in una maggiore flessibilità nella giornata lavorativa, il tutto nell’ambiente browser preferito. Gli utenti possono infatti partecipare in modo sicuro a riunioni e webinar direttamente dal proprio desktop Chromebook. È sufficiente effettuare il login per avviare il video, condividere o registrare i contenuti senza dover aprire il browser per inserire l’URL. Ciò riduce il numero di finestre aperte e favorisce la concentrazione.

Hybrid Work: qualche dato …

Secondo uno studio Cisco, l’85% degli italiani intervistati desidera per il futuro una modalità di “lavoro ibrido”, una via di mezzo cioè tra lavoro a distanza e in ufficio. Allo stesso tempo però, solo 1 persona su 4 ritiene che la propria azienda sia organizzata in tal senso. E’ dunque chiaro che per supportare il lavoro ibrido nel modo più efficiente possibile, è necessaria una base tecnologica a prova di futuro. Le aziende devono fornire ai propri dipendenti soluzioni moderne e innovative, che garantiscano condizioni di lavoro ottimali anche nell’home office. Sempre secondo lo studio Cisco infatti, il 55% dei dipendenti che lavorano in modalità ibrida ha già aumentato la produttività e la qualità del lavoro utilizzando la tecnologia giusta.  E vanno proprio in questa direzione le soluzioni sviluppate e appena presentate da Cisco, importanti innovazioni che permettono ad aziende e dipendenti di ottimizzare flessibilità e collaborazione.

Leggi anche:  Serco Europe e OVHcloud collaborano all’evoluzione di ONDA-DIAS per supportare l’impiego dei Big Data nel 2022