Un futuro articolato

Sergio Boaretto, director product management di Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia mette a fuoco un futuro che si prospetta molto articolato

«Per avere visioni sul futuro del nostro mercato, quello delle soluzioni software per professionisti e imprese, serve un po’ di calma. Proprio quella che spesso un manager non ha perché insegue il quotidiano, le performance. Questa conversazione è salutare perché ti fa fermare, riflettere e formulare dei pensieri che sono maturati con l’attività quotidiana ma senza la dignità della formulazione compiuta».

Così Sergio Boaretto accoglie la proposta di una conversazione sul futuro del mercato dei software e dei servizi per il mondo dei professionisti che operano nell’area fiscale, del lavoro e piccola impresa. A che punto siamo con la trasformazione digitale nel mondo dei professionisti e delle PMI?

«Smetterei di parlare di trasformazione perché è un percorso avviato che non smetterà mai. Una volta assimilata una trasformazione digitale ne inizierà una nuova. L’avvio della trasformazione digitale non presuppone una data fissa per la sua realizzazione. Lo sviluppo digitale porta con sé novità a un ritmo di rilascio molto elevato. I nostri clienti e i clienti dei nostri clienti, le imprese, devono adeguarsi per stare al passo, non con noi, ma con un universo che è in costante evoluzione. Un processo innovativo, come quello digitale, è perenne e inarrestabile».

Nel processo di trasformazione rientra a pieno titolo la tematica dei dati, il petrolio del terzo millennio. Come può avvenire l’analisi dei dati?

«Dobbiamo parlare di machine learning, di intelligenza artificiale, processi già in atto che servono oggi principalmente per l’efficientamento dei flussi e delle attività negli Studi professionali e nelle imprese. Noi abbiamo imboccato questa strada già da alcuni anni con il nostro progetto Genya. L’innovazione di un software che grazie alle tecnologie offre efficienza, qualità, velocità. Grandi vantaggi, ma solo iniziali. Il lavoro con il progetto Genya si dipana nella direzione di nuovi orizzonti, nuove attività, nuove aree di business e di un nuovo modo di stare sul mercato e di offrire nuovi servizi. Anche le tecnologie hanno bisogno di un time-to-market, soprattutto quando devono essere digerite. Il vero scoglio da superare è l’idea e l’abitudine dell’utilizzo del nostro prodotto per un solo scopo. Spesso un software viene vissuto come uno strumento che facilita un’attività. Cosa che fa certamente, ma fa ben di più, offre, a ben vedere, nuove opportunità di servizi e di attività ad elevato valore aggiunto».

Leggi anche:  Digital transformation nella PA: verso la citizen experience

L’approccio tradizionale al software è dunque un impedimento al colmare il gap mentale verso nuove forme di servizio da parte dei professionisti?

«Sicuramente è più difficile far maturare ipotesi di opportunità presso un professionista che magari ha un bisogno risolutivo di uno specifico problema. Genya è un progetto straordinario anche per questo. Propone una suite di software assolutamente risolutivi ma al contempo offre al professionista straordinari margini di crescita e sviluppo, sia grazie al suo ecosistema di software collegati, sia all’utilizzo e all’interpretazione valoriale degli output dei vari software. Genya rappresenta un innovativo ambiente digitale nel quale trovano spazio diversi moduli per la contabilità, il bilancio, i dichiarativi, la gestione dello studio e naturalmente anche la fatturazione elettronica usufruibili in mobilità, su ogni supporto e con avanzati strumenti di collaborazione a distanza. Genya in quanto progetto digitale complessivo, fruibile in cloud, è rivoluzionario per prestazioni, usabilità, look and feel, flessibilità, performance e intuitiva semplicità, ma soprattutto perché in grado di aiutare il professionista nel suo percorso evolutivo, aprendogli molte opportunità prima di tutto quella di consulente».

Un passo avanti, dunque, in un futuro che è già qui.