Amazon aumenta il canone richiesto per Prime

Amazon, nell’aria migliaia di licenziamenti

Aumento anche in Italia a partire dal 15 settembre

Amazon aumenterà il prezzo del suo abbonamento Prime in tutta Europa da settembre 2022. L’incremento, in alcuni Paesi, è pari anche al +43% sull’attuale. In un’e-mail ai clienti durante la notte, l’azienda ha rivelato che il suo costo annuale Prime aumenterà del 20% nel Regno Unito da 79 a 95 sterline, in Francia passerà invece da 49 euro all’anno a 69,90 euro, con un aumento del 43 % appunto. Amazon aumenterà anche i prezzi in Spagna e in Italia del 39% annuo, con il secondo mercato più grande dell’azienda, la Germania, che vedrà un aumento annuale del 30%.

Gli aumenti dei prezzi di Amazon Prime in Europa arrivano pochi mesi dopo che il prezzo di Prime negli Stati Uniti è salito a 139 dollari all’anno, in aumento rispetto alla precedente tariffa annuale di 119 dollari. Amazon Prime in genere include la spedizione veloce, l’accesso alle vendite e lo streaming gratuito di film/TV nella maggior parte dei mercati. Amazon sta anche aumentando il costo mensile di Prime nei mercati europei, di 1 euro al mese. Le tariffe mensili non includono lo sconto applicato agli abbonamenti annuali ed è chiaro dagli aumenti di Amazon che la maggior parte delle famiglie si abbona annualmente.

Reuters riferisce che Amazon indica la mossa come risposta “all’aumento dell’inflazione e dei costi operativi”. L’annuncio del cambio di prezzo arriva pochi giorni prima che il colosso pubblichi i risultati degli utili del secondo trimestre. Amazon ha registrato la sua prima perdita trimestrale in sette anni lo scorso trimestre, con la società che ha incolpato parte della perdita sull’aumento dei costi di carburante, trasporto e stoccaggio in magazzino.

Leggi anche:  Klarna ha utilizzato un messaggio preregistrato per licenziare il 10% dei dipendenti