Caritas Warendorf passa a telecomunicazioni più moderne con Snom

Caritas Warendorf passa a telecomunicazioni più moderne con Snom

Contro condizioni di lavoro precarie, povertà e malattie: nel 1897 furono poste le basi dell’attuale attività dell’Associazione Caritas in Germania, riconosciuta ufficialmente dalla Conferenza Episcopale tedesca come organizzazione assistenziale della Chiesa cattolica nel 1916.

Oggi la Caritas tedesca è un’associazione registrata e una federazione che conta oltre 900 unità organizzative indipendenti, per lo più registrate quali associazioni a sé stanti. Tra queste figura anche l’Associazione Caritas del Decanato di Warendorf.

Berlino | Con gli oltre 1.500 dipendenti interni oltre che delle società affiliate, l’Associazione Caritas del Decanato di Warendorf è una cooperativa senza scopo di lucro cresciuta nel corso dei decenni, che gestisce circa 60 sedi nel distretto di Warendorf e in quelli limitrofi, nonché oltre 40 strutture, servizi specializzati e organizzazioni no-profit. La sede centrale di Warendorf è responsabile dell’amministrazione centrale di tutte le sedi operative dell’associazione e dell’erogazione di servizi alle società affiliate.

A dispetto del crescente numero di filiali, della rispettiva distribuzione geografica e della gamma molto differenziata di servizi offerti l’infrastruttura instauratasi nel tempo è rimasta sostanzialmente omogenea. Tuttavia, a fronte di crescenti esigenze tecniche e amministrative e a fronte delle sempre maggiori aspettative degli utenti, si è ritenuto opportuno rivedere e, ove necessario, riallineare l’infrastruttura. Nell’ambito delle telecomunicazioni, ad esempio, i costi e il consumo di risorse dovuti alla manutenzione dei sistemi telefonici e dei rispettivi terminali erano sempre più spesso oggetto di  discussione. Caritas Warendorf si è pertanto rivolta a ISP-EURONET con la richiesta di valutare una piattaforma per le Unified Communications all’avanguardia, gestibile centralmente e impiegabile con le più diverse tipologie di terminali IP cablati e cordless.  ISP-EURONET è un’azienda di Steinbach, nel Land dell’Assia, che opera in Germania, Austria e Svizzera ed è specializzata in hosting, SaaS e UCC. Da oltre dieci anni è inoltre un affermato partner commerciale di Snom.

Leggi anche:  VoipVoice presenta i nuovi servizi e le attività a sostegno dell’innovazione digitale

La sfida

La Caritas desiderava avvalersi di un sistema telefonico centralizzato, basato su cloud, in grado di rispondere ai bisogni di enti sociali fortemente decentralizzati, di servizi specialistici, scuole, ambulatori, laboratori per disabili e molto altro. Inoltre, era necessario soddisfare le esigenze molto diverse dei singoli reparti e siti operativi. L’opzione di configurazione remota tramite autoprovisioning e la successiva installazione plug & play dei terminali era un ulteriore criterio prioritario per la selezione della soluzione. Anche la garanzia di una mobilità illimitata all’interno dei locali operativi per il personale degli ambulatori e degli asili e la disponibilità di telefoni fissi con funzionalità differenti per i vari reparti della sede centrale rappresentavano criteri importanti. In tale contesto, ad ISP-EURONET era stata demandata la proposta di telefoni IP preferibilmente di un unico produttore, in modo da ridurre al minimo le operazioni di manutenzione anche lato terminali. Non da ultimo, la conformità della soluzione UCC e dei terminali al GDPR era fondamentale per Caritas, in quanto l’associazione dispone di dati sensibili su pazienti e famiglie sotto la sua tutela, che è necessario salvaguardare.

Caritas Warendorf e ISP-EURONET con il suo partner tecnico (headON Communications GmbH di Vienna) erano consapevoli che il progetto di migrazione su larga scala avrebbe avuto luogo in maniera graduale, richiedendo circa due o tre anni. L’affidabilità dei produttori selezionati era pertanto ancora più decisiva.

Caritas
Christoph Noppeney, amministratore delegato di ISP-EURONET

La soluzione: 3CX e Snom

“Relativamente al centralino, dopo un’attenta analisi della situazione tecnica iniziale e dei requisiti, abbiamo scelto 3CX come fornitore UCC”, afferma Christoph Noppeney, amministratore delegato di ISP-EURONET. La soluzione dispone di tutte le caratteristiche richieste dal cliente. Nella scelta del produttore dei telefoni IP furono quindi esaminati i fornitori che presentavano il più elevato livello di interoperabilità possibile con la piattaforma UCC da utilizzare. “Nelle battute finali, la partita si è giocata tra Yealink e Snom, ma i numerosi plus del marchio premium tedesco hanno notevolmente semplificato la scelta a favore di Snom”. Caritas Warendorf, che ha potuto testare i telefoni di entrambi i produttori, è stata conquistata in primis dall’ampio portafoglio prodotti firmato Snom. Dai telefoni IP da tavolo ai terminali DECT-over-IP e alle stazioni base, Snom ha offerto la scelta più completa. Questo vale anche per i dispositivi progettati per esigenze particolari, (utilizzo in ambienti sterili, molto polverosi, o ad alto rischio di urti/cadute, come asili, laboratori per disabili o strutture di assistenza). Dal punto di vista tecnico, anche l’eccellente interoperabilità tra 3CX e Snom, grazie all’integrazione del Secure Redirection & Provisioning Service (SRAPS) di Snom nella piattaforma UC, ha avuto un importante ruolo nella scelta. SRAPS semplifica la configurazione remota dei dispositivi IP, in modo che gli utenti debbano solamente collegare il telefono alla rete e pochi minuti dopo possano già effettuare chiamate utilizzando il numero assegnato. Inoltre, è possibile accedere alla rubrica completa e alla cartella telefonica personale con le relative funzioni a corredo. Tra gli altri vantaggi dei telefoni Snom rispetto alla concorrenza, vanno citati anche il design e la facilità d’uso, fattori che hanno contribuito ad una più rapida accettazione della nuova infrastruttura da parte degli utenti.

Leggi anche:  Riello UPS Sentryum Rack, l’UPS modulare per gli ambienti industriali

Ma assolutamente decisivo è stato il grande supporto offerto dal produttore: “Snom è stata subito presente quando Caritas ha avuto bisogno dei più disparati modelli dei terminali per condurre i propri test. Ci ha affiancato costantemente in tutte le fasi di valutazione e ha formato il cliente in modo completo su tutti i prodotti e i possibili usi dei suoi telefoni IP. Un grado di disponibilità non ravvisato nella concorrenza”, conferma Noppeney.

L’implementazione

La Caritas di Warendorf ha scelto numerosi modelli del portafoglio prodotti Snom, tra cui telefoni da tavolo come il D785 per le posizioni manageriali e il D735 per gli uffici amministrativi. Per il DECT-over-IP sono stati selezionati i telefoni IP cordless DECT Snom M60, M70, M80 e M85 (ad esempio per asili e laboratori per disabili) e il modello M90 (per case di cura e ambulatori). Grazie alla stazione base DECT multicella M900 di Snom, ISP-EURONET ha potuto implementare infrastrutture DECT eccellenti dotate di roaming e copertura molto soddisfacente per tutti i telefoni. Tutte le fasi dell’installazione sono state accuratamente definite e pianificate in anticipo. Ciò ha garantito un’implementazione della nuova infrastruttura nella sede centrale senza alcun intoppo, e ora consente l’adeguamento degli altri siti operativi come da programma. “In nessun momento”, afferma Noppeney, “è stato necessario contattare l’assistenza di Snom”.

Caritas
Snom D785 e Snom M90 in uso presso Caritas Warendorf

La telefonia è un servizio cruciale per Caritas Warendorf. “L’affidabilità dei prodotti selezionati è ancora più importante in questi progetti”, conferma Noppeney. “Con Snom, Caritas ha fatto una scelta di alta qualità, e ora beneficia di terminali IP a prova di futuro e integrati in tutti i processi dell’innovativo leader tecnologico europeo.”