Twitter contro le integrazioni di terze parti

Twitter contro le integrazioni di terze parti

Revocato l’accesso alle API del social per la maggior parte dei client terzi

Twitter sembra aver deliberatamente impedito ai client di terze parti di accedere alla sua API. Da giovedì sera molte delle app più popolari da utilizzare per scorrere Twitter senza passare dal software dell’azienda, inclusi Tweetbot e Twitterrific, hanno smesso di funzionare, senza alcuna comunicazione ufficiale da parte del social principale. Domenica, The Information ha condiviso messaggi dai canali Slack interni di Twitter che suggeriscono che l’azienda è a conoscenza dell’interruzione e probabilmente ne è anche la causa. “Le sospensioni delle app di terze parti sono intenzionali”, si legge in un messaggio di un canale che gli ingegneri dell’azienda utilizzano per valutare le interruzioni del servizio. Venerdì mattina, un dipendente del team di partnership di prodotto di Twitter ha riferito di aver chiesto quando il proprio team poteva aspettarsi un elenco di “punti di discussione approvati” relativi a “clienti di terze parti che hanno revocato l’accesso”. 

Secondo The Information, quella stessa mattina un responsabile del marketing del prodotto ha detto ad un collega che la società aveva “iniziato a lavorare sulle comunicazioni”, ma non poteva offrire una tempistica per quando sarebbero state pronte. The Information rileva che non è stato possibile apprendere il ragionamento alla base delle azioni di Twitter. Il social non ha un ufficio di comunicazione da quando Elon Musk ha iniziato a ridimensionare la forza lavoro dell’azienda. Il nuovo CEO non ha twittato nulla sull’interruzione e non ha avvistato gli sviluppatori di Tweetbot, Twitterrific, Fenix e altri client di terze parti. “Siamo all’oscuro tanto quanto te”, ha scritto Paul Haddad, il co-creatore di Tweetbot in un recente post su Mastodon.

Leggi anche:  Firefox migliora la privacy con una protezione totale dei cookie