Servizi cloud, Seeweb e VSIX insieme per migliorare la connettività nel Nord-Est

Servizi cloud, Seeweb e VSIX insieme per migliorare la connettività nel Nord-Est
Eleonora Di Maria, Presidente VSIX

Al via la sperimentazione che permetterà di attivare, per l’area individuata, un’interconnessione di livello 2

L’approvazione del Digital Compass 2030 da parte della Commissione Europea ha confermato la centralità del tema della transizione digitale, seguito poi dagli investimenti previsti dal PNRR per reti ultraveloci e digitalizzazione della PA. I dati Istat del 2021 evidenziano che il 60,3% delle piccole e medie imprese italiane ha raggiunto un livello base di intensità digitale, a fronte di una media – tra i 27 stati membri – del 56%, e un target europeo previsto per il 2030 del 90%; tra le imprese con almeno 10 addetti, il 41,9% ha acquistato servizi di cloud computing di livello medio-alto e il 51,9% di livello intermedio e sofisticato (35% la media UE, 75% l’obiettivo europeo per il 2030). In questo panorama VSIX e Seeweb hanno realizzato una sperimentazione che ha per oggetto l’attivazione di un’interconnessione di livello 2 allo scopo di favorire la diffusione di servizi cloud nel Nord-Est d’Italia.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

La prof.ssa Eleonora Di Maria, Presidente VSIX, ha dichiarato in merito: «La collaborazione con Seeweb ci dà l’opportunità di sviluppare dei servizi di rete verso un modello distribuito di interscambio e di potenziare il ruolo di supporto alla transizione digitale del Nord-Est tramite lo sviluppo dell’ecosistema territoriale, in pieno accordo con gli obiettivi primari fissati nelle linee strategiche di VSIX per il triennio 2022-2024. Puntiamo, infatti, ad ampliare la tipologia e rafforzare le relazioni con gli operatori privati aderenti (ISP, Carrier, Content Delivery Network, Cloud Service Provider), affinché aumenti l’offerta di connettività territoriale, anche in termini di qualità, e cresca l’offerta di servizi al territorio verso cittadini e imprese».

Leggi anche:  OVHcloud potenzia la sua offerta nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale

Presenza di valore in Italia

La sperimentazione valorizza, poi, la presenza di VSIX anche a Milano, secondo una logica distribuita realizzata per avvicinare la domanda e l’offerta di servizi digitali, in questo caso i servizi cloud offerti da Seeweb, sfruttando però le performance, l’efficienza e la sicurezza offerte da una piattaforma di interscambio nell’ottica di favorire e semplificare il processo di trasformazione digitale del Nord-Est. La missione principale di VSIX, infatti, è proprio quella di migliorare la qualità della connettività Internet nel Nord-Est, fornendo agli operatori e ai principali enti del territorio la possibilità di scambiare traffico e servizi in un nodo neutrale, ad alta efficienza, scalabilità e sicurezza, permettendo di ottimizzare le risorse di comunicazione a lunga distanza. Nato nel 2009 come Neutral Access Point (NAP) e telehouse per il nord-est d’Italia, VSIX è un Internet Exchange con base a Padova, attualmente gestito dal Centro per la Connettività e i Servizi al Territorio dell’Università degli Studi di Padova ed è il quarto nodo di interscambio italiano per volume di traffico pubblico e privato raggiunto, dopo Milano, Roma e Torino, con un traffico medio su base annuale di circa 40Gbps.

Antonio Baldassarra, CEO di Seeweb ha dichiarato: «Riteniamo che il ruolo dei punti di interscambio regionale sia centrale nella strutturazione del nuovo ecosistema dei servizi IT per il settore pubblico, anche a seguito delle direttive dell’Agenzia Nazionale per la Cybersecurity. In questo scenario, il VSIX svolge un ruolo importante che ci ha portato a considerare l’adesione da parte di Seeweb per meglio integrare, con efficienza e sicurezza, i propri servizi cloud con le esigenze specifiche della clientela anche in considerazione del ruolo di assoluta rilevanza che svolge il Veneto in termini di numerosità ed importanza delle imprese presenti».

Leggi anche:  Top-down planning e digital boardroom con strumenti cloud

Più domanda e nuovi servizi

Proprio l’aumento nella domanda di connettività e di maggiori servizi di ospitalità di infrastrutture IT anche in una logica cloud, spinge VSIX a ridefinire l’offerta attraverso l’inserimento di nuovi servizi o ad un perfezionamento di quelli già in essere (peering privato e remote peering), inserendosi nel processo di ampliamento delle strutture degli Internet Exchange italiani ed europei, in atto al fine di servire da vicino i territori ad alta potenzialità di sviluppo. In quest’ottica l’accordo con Seeweb si pone tra gli obiettivi quello di favorire la diffusione del peering e dei servizi digitali in generale e di sperimentare modelli di interscambio privati basati su Virtual Private Lan (VLAN) per permettere di veicolare anche servizi cloud in modalità ibrida o privata sulla piattaforma di interscambio in una logica multi-cloud. Infatti, uno degli scogli principali che vengono registrati nella diffusione dei servizi Cloud è proprio la connettività di rete. Sempre più necessaria quindi una sinergia tra provider di accesso e utente finale, infrastrutture di interscambio e provider cloud, per creare un cortocircuito efficiente, semplice e che valorizzi gli investimenti già in campo. In particolare, anche per via delle distanze in gioco favorevoli si stanno sperimentando servizi di tipo Backup-as-a- service (BaaS) in una logica private cloud, tramite l’utilizzo del private peering, sfruttando però una rete condivisa con capacità di 200Gbps e con elevati margini di scalabilità, con l’obiettivo di individuare i modelli e le configurazioni più idonee, valutandone l’impatto e le criticità su aspetti come la sicurezza e la resilienza, operando sempre secondo una logica basata sulla net neutrality.