Twitter avrebbe guadagnato milioni di dollari da account bannati

Twitter nel caos delle spunte, validati anche utenti deceduti

Un report evidenzia quanto possa essere vantaggioso per la piattaforma affidarsi ad utenti altamente polarizzanti

Twitter sta guadagnando milioni di dollari da una manciata di alcuni dei suoi utenti più famosi. Secondo un nuovo rapporto del Center for Countering Digital Hate (CCDH), si stima che Twitter “genererà fino a 19 milioni di dollari all’anno di entrate pubblicitarie” da soli 10 account che una volta erano stati banditi dalla piattaforma. Il report ha esaminato l’attuale impegno con 10 account precedentemente banditi per “pubblicazione di contenuti odiosi e cospirazioni pericolose”. Gli account sono stati ripristinati dopo l’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk. Il gruppo include una serie di account di alto profilo associati all’estremismo e alle teorie del complotto, inclusi quelli appartenenti all’influencer Andrew Tate, al fondatore del Daily Stormer, Andrew Anglin, al famoso no-vax Robert Malone e al Gateway Pundit. 

Per stimare la loro portata e il loro coinvolgimento, il CCDH ha analizzato quasi 10.000 tweet da questi account durante un periodo di 47 giorni tra dicembre e gennaio. Secondo la loro analisi, “in un giorno medio, i tweet dei dieci account hanno ricevuto un totale combinato di 54 milioni di impressioni”. “Proiettando questa media su 365 giorni, ci si può aspettare che gli account raggiungano quasi 20 miliardi di impressioni nel corso di un anno”.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Al fine di determinare la quantità di entrate pubblicitarie che tali impressioni potrebbero generare per Twitter, CCDH afferma di aver creato tre nuovi account Twitter che hanno seguito solo i 10 utenti citati nel rapporto. Gli autori hanno scoperto che gli annunci apparivano circa una volta ogni 6,7 tweet. Quindi, utilizzando i dati della società di analisi Brandwatch, che stima che “gli annunci Twitter costano in media 6,46 dollari per 1.000 impressioni. La stima è dunque di una cifra totale che può arrivare a 19 milioni di dollari in entrate pubblicitarie annuali stimate attraverso gli account”. Sebbene le stime non siano un resoconto preciso di quanto Twitter potrebbe guadagnare da questi utenti, dimostra quanto possa essere prezioso per la piattaforma un piccolo numero di account altamente polarizzanti. Sottolinea inoltre quanto Twitter possa guadagnare riportando utenti ancora più controversi.

Leggi anche:  La mano dell’UE ancora su Meta