Musk avrebbe acquistato migliaia di GPU per Twitter

Musk avrebbe acquistato migliaia di GPU per Twitter

La voglia di intelligenza artificiale invade anche il mondo dei social network

Più di un mese dopo aver assunto un paio di ex ricercatori di DeepMind, Twitter starebbe andando avanti con un progetto interno di intelligenza artificiale. Secondo Business Insider, Elon Musk ha acquistato 10.000 GPU da utilizzare in uno dei due data center dell’azienda. Una fonte ha riferito che l’acquisto mostra che Musk è “impegnato” nello sforzo AI, in particolare considerando il fatto che nessuno, nello stato in cui versa Twitter, si impegnerebbe a spendere tanti soldi se non avesse intenzione di usare l’hardware per il lavoro di intelligenza artificiale. Secondo quanto riferito, il progetto prevede la creazione di un’intelligenza artificiale generativa che l’azienda addestrerebbe sulla propria enorme raccolta di dati. Non è chiaro come Twitter utilizzerà la tecnologia. Insider suggerisce che un’intelligenza artificiale generativa potrebbe aumentare la funzionalità di ricerca della piattaforma o aiutare l’azienda a ricostruire la propria attività pubblicitaria. 

In ogni caso, il rapporto sottolinea la recente decisione di Musk di firmare una lettera aperta che chiede una pausa di sei mesi sullo sviluppo dell’IA. L’imprenditore è stato un critico di OpenAI, l’organizzazione di ricerca sull’intelligenza artificiale che ha co-fondato nel 2015. “Sono ancora confuso su come un’organizzazione no profit a cui ho donato 100 milioni di dollari abbia ottenuto una capitalizzazione di mercato di 30 miliardi di dollari. Se questo è legale, perché non lo fanno tutti?”. Tuttavia, per il sito Semafor la faida con OpenAI è qualcosa di strettamente personale. Nel 2018, Musk avrebbe detto a Sam Altman, uno dei suoi colleghi co-fondatori di OpenAI, che il laboratorio era troppo indietro rispetto a Google, suggerendo sé stesso come guida dell’azienda, una proposta respinta da Altman e dagli altri fondatori di OpenAI.

Leggi anche:  Twitter lancerà entro maggio gli articoli a pagamento