Tesla concederà in licenza il suo sistema Full Self-Driving

Tesla, per la prima volta l’autopilota citato in un caso di incidente fatale

Lo ha affermato Elon Musk durante l’ultimo incontro con gli investitori

In un annuncio a sorpresa durante un incontro con gli investitori, Elon Musk ha rivelato che Tesla intende concedere in licenza il suo sistema di guida completamente autonoma ad altre case automobilistiche e OEM. “Siamo molto aperti a concedere in licenza il nostro software e hardware FSD ad altre case automobilistiche”, ha affermato Musk “e stiamo già discutendo con un importante OEM sull’utilizzo di un Tesla FSD”. Musk ha anche annunciato una “amnistia una tantum”, durante il terzo trimestre, che consentirà ai proprietari di trasferire il loro abbonamento FSD esistente ad una Tesla appena acquistata. L’azienda rimane il principale produttore di veicoli elettrici negli Stati Uniti con un nuovo record interno di 479.700 unità costruite, 466.140 delle quali consegnate nel secondo trimestre, con un aumento di circa l’87% su base annua. Durante la riunione, il CEO Elon Musk ha osservato che durante il primo trimestre, la Model Y è diventata il veicolo più venduto “di qualsiasi tipo… superando artisti del calibro di Corolla”. Anche il primo Cybertruck del marchio è uscito dalla catena di montaggio questo trimestre e dovrebbe iniziare la produzione a regime il prossimo anno. 

Tesla sta attualmente testando la linea di veicoli prima della certificazione e della convalida normativa. “Questo è il primo camion, di cui siamo a conoscenza, che avrà quattro porte, su un letto di sei piedi ma si adatta a un garage di 20 piedi”, ha detto Musk. “È più grande all’esterno, ma è ancora più grande all’interno.” La società ha fatto notizia nel secondo trimestre dopo aver aperto il suo progetto di porta di ricarica precedentemente proprietario al resto del settore. I veicoli Mercedes, Volvo, Rivian, Ford e GM utilizzeranno il design per i loro modelli nordamericani a partire dal 2024. Il Texas è arrivato al punto di richiedere che le sue stazioni di ricarica per veicoli elettrici finanziate dallo stato soddisfino lo standard. La capacità delle stazioni di ricarica della rete di Tesla è cresciuta di un terzo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con 48.082 caricabatterie in totale distribuiti su 5.265 stazioni, a livello globale. Gli investitori hanno specificamente notato “l’impegno di Tesla a essere in prima linea nello sviluppo dell’IA” con l’inizio della produzione per i suoi computer di addestramento Dojo, che verranno utilizzati per aiutare gli sviluppatori di Autopilot a iterare progetti e funzionalità futuri. 

Leggi anche:  Apple, multa milionaria per discriminazione nelle assunzioni