Snom cambia sede! I nuovi modelli di lavoro richiedono una riprogettazione degli spazi aziendali

Snom cambia sede! I nuovi modelli di lavoro richiedono una riprogettazione degli spazi aziendali

L’agilità non caratterizza solo le modalità operative, anche gli ambienti di lavoro devono soddisfare le esigenze dettate dalla nuova realtà

Da quando Snom occupò i nuovi uffici a nord di Berlino nel 2013 la città ha cambiato volto e non solo. Anche la definizione stessa di lavoro e il modo in cui lo si svolge ha subito una trasformazione epocale. Gli uffici selezionati da Snom un decennio fa rispondevano a modelli e requisiti tipici dell’epoca. Gli spazi aziendali dovevano offrire almeno uno o più uffici per dipartimento oltre ad ampie sale riunioni e spazi ricreativi per consentire ai dipendenti di interagire tra loro.

Gernot Sagl
Gernot Sagl, CEO Snom Technology GmbH

“Quando ho iniziato a lavorare da Snom, si vivevano chiare gerarchie e divisioni”, afferma Gernot Sagl, CEO di Snom dal 2016. “Il direttore generale aveva il suo ufficio esecutivo, i vari reparti erano suddivisi in spazi separati. Gli incontri interdipartimentali avevano luogo durante le pause o le riunioni. Rompere questo schema è sempre stato un mio grande desiderio.“

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Sebbene parte di un grande gruppo, Snom ha mantenuto la sua identità indipendente e il suo obiettivo di guidare l’innovazione nel settore delle telecomunicazioni. Per raggiungere questo traguardo, negli scorsi quattro anni Snom ha promosso la creazione di team cross-funzionali, non più legati al concetto di reparto o divisione ma che lavorano in maniera trasversale. Una trasformazione da cui ben presto scaturì la consapevolezza che l’azienda aveva bisogno di un ambiente di lavoro completamente diverso. Inoltre, Snom è una delle aziende che ha adottato modelli di lavoro ibrido in tutte le sue sedi: il lavoro “smart” non è più una soluzione temporanea per situazioni eccezionali ma un’opzione riconosciuta ad ogni dipendente qualora lo desideri. Questa nuova modalità operativa era difficile da conciliare con una disposizione degli spazi rigida e obsoleta.

Leggi anche:  Kyndryl e Cloudflare annunciano un'alleanza strategica

Con i nuovi uffici, Snom ha voluto avvicinarsi nuovamente al centro della città e rompere davvero con il passato. “Sono convinto che a volte anche ambienti totalmente diversi contribuiscano a liberarsi dalle vecchie abitudini”, conferma Gernot Sagl.

Neues Büro
© Snom Technology 2023

Nei nuovi spazi, il personale commerciale, la gestione di prodotto, la logistica e il marketing lavorano insieme, e la direzione è al centro dell’azione. Un’ampia area è dedicata a coloro che si recano in ufficio solo occasionalmente. I dipendenti mobili traggono vantaggio dalle tecnologie di “hot-desking”, che consentono loro di sedersi a qualsiasi postazione senza soluzione di continuità in termini di fruibilità dei servizi telefonici abituali e delle risorse di rete aziendali. Gli spazi generosi offrono inoltre numerose opportunità di uno scambio informale con i colleghi. A breve, saranno disponibili anche “silent rooms” schermate acusticamente per conversazioni confidenziali o lavori individuali che richiedono un alto livello di concentrazione.

“Le nuove strutture aperte rompono molti dei vecchi schemi operativi e mettono completamente in discussione il modo tradizionale di lavorare: già nelle prime settimane, con ancora molti cartoni del trasloco da sistemare, sono emerse sinergie ed energie positive che non avevamo nel vecchio ufficio!”, conclude Sagl.