Così Glenn Greenwald reinventerà la notizia

Il giornalista che ha raccolto la verità di Edward Snowden annuncia una “nuova impresa epocale” con il supporto di un facoltoso filantropo

Glenn Greenwald è l’avvocato e blogger che ha portato al Guardian il più grande scoop del decennio. Secondo le testimonianze di alcuni colleghi, starebbe per far partire una nuova testata giornalistica con sede a Londra come nuovo strumento di comunicazione su larga scala i cui dettagli saranno resi noti prossimamente. 

Una piattaforma in divenire

“La mia collaborazione con il Guardian è stata estremamente fruttuosa e soddisfacente – avrebbe detto in un comunicato inviato via email – la decisione di fare altro non è stata semplice, ma non ho potuto rifiutare una di quelle offerte che ogni giornalista vorrebbe vedersi fare”. Greenwald avrebbe inviato il comunicato perché oramai la notizia era trapelata tra gli addetti ai lavori. “Non eravamo preparati ad annunciarlo – ha detto – e quindi non sono in grado di fornire ulteriori dettagli su questo progetto epocale. Quello che posso dire è che lo svelerò molto presto”.

Il nuovo progetto e il ruolo di Greenwald

Quello che si sa è che si tratta di un nuovo “mezzo di comunicazione” adeguatamente finanziato da fonti pubbliche. Si parla di un primo finanziamento da parte di un filantropo, figura che qualcuno dice possa essere George Soros, forse il più famoso filantropo della sinistra americana, anche se il suo portavoce ha prontamente negato qualsiasi contatto con il giornalista. Il ruolo di Greenwald nel nuovo progetto non sarà schematico: “Il mio ruolo, oltre a segnalare e scrivere, sarà quello di creare l’intera unità di giornalisti da zero reclutando i reporter e gli editori che condividono la mia stessa etica giornalistica e modellare il tutto. Soprattutto mi interesserò di giornalismo politico”. Greenwald continuerà a vivere in Brasile e potrebbe portare qualche membro dello staff a Rio. Tuttavia glo hub principali della nuova organizzazione saranno a New York, Washington e San Francisco.

Leggi anche:  Facebook presenta GetDigital, per un'educazione digitale consapevole