Exploring the New IT: costruire l’azienda del futuro

La trasformazione dell’IT e della gestione dell’IT da un modello centralizzato a uno federato in cui CIO e LOB condividono obiettivi e budget. IDC rinnova l’appuntamento in tutta Italia con Cisco, EMC, Intel, Schneider Electric e VMware

L’inarrestabile espansione della Terza Piattaforma sta trasformando non solo l’infrastruttura IT aziendale, ma anche i processi di acquisto e di gestione delle sue componenti tecnologiche e applicative. In Italia, infatti, come nel resto del mondo, molte organizzazioni IT aziendali stanno iniziando ad affrontare una delicata fase di evoluzione da un modello organizzativo centralizzato a uno ibrido o federato per ridefinire il ruolo della tecnologia nei processi di business e condividere con le LOB (le linee di business) obiettivi e budget per l’innovazione tecnologica.

Per i CIO, rivestire oggi il ruolo di partner IT di riferimento è uno status che necessita di essere continuamente ribadito e consolidato, mostrando non solo di conoscere i processi di business, ma di essere anche in grado di anticiparne le evoluzioni. Per far ciò, i dipartimenti IT stanno esplorando nuovi modi attraverso i quali fornire alla propria azienda accesso alle informazioni, alle applicazioni e alle infrastrutture, abilitando processi e procedure che accelerino i tempi di provisioning, standardizzino le configurazioni, riducano la complessità e migliorino la user experience attraverso una gestione delle risorse IT che prescinda dalla loro localizzazione.

La trasformazione della gestione dell’infrastruttura IT in un’ottica di fornitore di servizi flessibile e cost effective, anche per quanto riguarda l’efficienza energetica, può rendere l’IT in grado di supportare il business nel raggiungimento dei propri obiettivi migliorando produttività e agilità degli end-user. Solo in questo modo, inoltre, l’IT sarà in grado di intercettare quella parte di spesa IT che esula dal proprio budget e che viene effettuata, con sempre maggiore incidenza, direttamente dalle LOB.

Leggi anche:  Massimo Iberti è il nuovo CFO di FINIX Technology Solutions

Questa evoluzione è al centro del nuovo roadshow di IDC Italia organizzato con Cisco, EMC, Intel, Schneider Electric e VMware. Denominato Exploring the New IT, dalla trasformazione dell’IT alla generazione di business value, il roadshow 2014 porterà gli analisti di IDC e i cinque partner tecnologici a incontrare le aziende italiane direttamente sul territorio in quattro tappe:

26 giugno, Bologna, I Portici Hotel

1 luglio, Bari, Hotel Boscolo

25 settembre, Torino, Palazzo Saluzzo Paesana

1 ottobre, Verona, Museo Nicolis

Nel corso di ogni tappa, gli analisti di IDC e i CIO di aziende con forte connotazione territoriale affronteranno il tema dell’evento interagendo con i CIO e gli IT manager presenti in sala in rappresentanza delle imprese locali.

Chairman del roadshow sarà Fabio Rizzotto, Senior Research & Consulting Director di IDC Italia, che terrà il keynote iniziale su come governare l’IT per sviluppare il business. “La trasformazione insita nella Terza Piattaforma genera inevitabilmente una nuova IT, in grado non solo di portare vantaggi nella gestione dell’IT, ma anche e soprattutto di rinnovare processi, procedure e modelli di business, che consentono di cogliere ogni opportunità di crescita, a condizione però che evolva anche il rapporto tra IT e LOB: da semplici colleghi a partner”, sottolinea Rizzotto.

Nel corso delle quattro tappe, oltre alle testimonianze dirette di CIO locali, saranno anche presentati i risultati di una web survey condotta da IDC sulle sfide delle aziende italiane in tema di gestione dell’IT e di evoluzione dal modello centralizzato a quello federato nelle attività di funding dei progetti IT. Infine, saranno forniti ai partecipanti alcuni spunti e una To do list IDC per realizzare il “do better with less”.

Leggi anche:  Impresoft Group promuove formazione di alto livello per clienti, partner e dipendenti

“Con Internet of Everything il traffico dati cresce sempre più rapidamente, infatti entro la fine del 2016 il traffico globale del data center raggiungerà 6,6 zettabyte. Le aziende si troveranno quindi ad affrontare nuove sfide, saranno chiamate a valutare ed eventualmente riadattare le proprie infrastrutture tecnologiche, a partire dal data center”, afferma Roberto Missana, Partner Sales Specialist Datacenter di Cisco Italia. “Da un lato la rete, pervasiva e intelligente, e dall’altro il data center, adibito all’analisi dei big data e ai sistemi business critical, sono gli elementi centrali di un approccio flessibile delle aziende che garantisce benefici concreti e duraturi sul business”.

“Le nuove tendenze della tecnologia – mobile, cloud, big data – stanno proseguendo senza sosta e la crescita dei dati generati dalla Terza Piattaforma dell’IT sta aprendo nuove opportunità per i clienti che si trovano quindi ad affrontare un notevole cambiamento”, sottolinea Dario Regazzoni, Pre-Sales Manager di EMC Italia. “I driver che stanno dietro questo cambiamento sono software e nuove applicazioni – in particolare le applicazioni mobile e web – che se da un lato creano opportunità, dall’altro favoriscono ulteriori complessità. E’ quindi fondamentale comprendere le esigenze delle aziende per offrire le soluzioni in grado di gestire al meglio le informazioni per una software defined enterprise”.

“L’azienda del futuro deve ripensarsi mettendo al centro il data center: sempre più spesso ci si interroga su quale potrà essere l’evoluzione del data center e del cloud in ambiente enterprise, e secondo noi la risposta non può prescindere dalla semplificazione”, aggiunge Fabrizio Landini, Vice Presidente della business unit IT di Schneider Electric per le regioni Italia, Iberia e Nordics. “Gli aspetti da tenere presente sono molti e tutti essenziali, dall’infrastruttura di base alla piattaforma hardware, al software di gestione, per questo è necessario affidarsi agli specialisti del settore. Noi abbiamo scelto di collaborare con Cisco, VMware e EMC per garantire soluzioni che siano realmente ‘integrate’ e che tengano conto di tutti i tasselli necessari alla trasformazione del data center.

Leggi anche:  F-Secure: Juhani Hintikka nominato nuovo CEO

Trasformazione ed evoluzione che VMware, per concludere, sintetizza e ribadisce in un concetto, quello della Software-Defined Enterprise. “La Software-Defined Enterprise (SDE) come modello per affrontare le sfide e crescere nell’era del mobile e del coud”, spiega Luca Zerminiani, Systems Engineer Manager di VMware Italia, dando appuntamento a tutti al nuovo roadshow.

Maggiori dettagli sull’evento sono disponibili sul sito di IDC Italia.

Hashtag ufficiale del roadshow: #IDCnewIT