Il processore Intel più sicuro per i data center

Intel Corporation ha introdotto sul mercato il processore Intel Xeon 5600 series, caratterizzato da funzionalità di sicurezza, prestazioni ed efficienza energetica senza precedenti.

I nuovi processori includono due nuove caratteristiche per la sicurezza, Intel Advanced Encryption Standard New Instruction (Intel AES-NI) e la tecnologia Intel Trusted Execution (Intel TXT), che velocizzano le prestazioni delle operazioni di crittografia e decrittografia per aumentare la sicurezza delle transazioni e degli ambienti virtualizzati, mettendo a disposizione dei data center una base più solida per la protezione degli ambienti cloud.

Si tratta inoltre dei primi chip per server e workstation basati sull’innovativa tecnologia di processo a 32 nanometri (nm), che utilizzando i transistor Intel con gate metallici ad alta costante k (high-k) di seconda generazione permettono un incremento della velocità e una riduzione del consumo energetico.

Il processore Intel Xeon 5600 series supporta fino a sei core per processore e offre prestazioni fino al 60% più elevate rispetto al processore precedente Intel Xeon 5500 series a 45 nm. Inoltre, nei data center è possibile sostituire 15 server basati su processori single-core con un unico nuovo sistema e ottenere un ritorno sull’investimento in appena 5 mesi.

I data center possono inoltre trarre vantaggio dall’efficienza energetica del processore Xeon 5600 series. Un server a 2 socket basato sul nuovo processore Intel Xeon L5640 a basso voltaggio è in grado di offrire le stesse prestazioni di un server basato sui processoriIntel Xeon della precedente generazione, ma con un consumo energetico della piattaforma fino al 30% inferiore.

“Il processore Intel Xeon 5600 series costituirà la struttura portante degli ambienti informatici mainstream”, ha commentato Kirk Skaugen, Vice President dell’Intel Architecture Group. “Le nuove funzionalità di sicurezza garantiranno una maggiore tranquillità ai responsabili IT, mentre i miglioramenti apportati in termini di prestazioni, virtualizzazione dei server e consumo energetico favoriranno una maggiore produttività ed efficienza per piu diverse applicazioni, dalle transazioni di dati alla diagnostica per immagini e ai prototipi digitali eseguiti con le workstation”.

Sicurezza avanzata

Con le minacce emergenti, le nuove architetture e le normative in continua evoluzione, la sicurezza è diventata fonte di crescente preoccupazione per i responsabili IT e rappresenta spesso un ostacolo all’implementazione di infrastrutture informatiche più evolute. Il processore Intel Xeon 5600 series offre una risposta a queste problematiche grazie alle nuove caratteristiche che contribuiscono ad assicurare una maggiore integrità dei dati.

Leggi anche:  Apple dice stop a iPhone 12 Mini: flop totale

Il processore Intel Xeon 5600 series offre inoltre un nuovo set di istruzioni, Intel AES-NI, introdotto per la prima volta con la nuova famiglia di processori Intel Core del 2010. Queste istruzioni accelerano le prestazioni AES velocizzando le operazioni di crittografia e decrittografia dei dati per un’ampia varietà di applicazioni, ad esempio crittografia dei database, crittografia completa del disco e transazioni Internet protette.

La tecnologia Intel TXT fornirà la sicurezza necessaria negli ambienti cloud rendendo disponibile un ambiente di avvio della piattaforma più sicuro, oltre a proteggere le applicazioni che vengono trasferite tra server virtualizzati. Le funzionalità integrate nel processore proteggono dal malware aumentando la sicurezza dell’esecuzione delle applicazioni e dei dati importanti negli ambienti virtualizzati.

Operando congiuntamente, Intel TXT e Intel AES assicurano prestazioni e funzionalità superiori negli ambienti virtualizzati, oltre a una maggiore sicurezza nelle fasi di avvio, migrazione o archiviazione.

Prestazioni più elevate, consumi ridotti

La sicurezza del processore Intel Xeon 5600 series si abbina a prestazioni, versatilità ed efficienza energetica per migliorare l’efficienza delle operazioni del data center. Tecnologie come Intel Turbo Boost, Intel Hyper-Threading e l’ultima versione di Intel Virtualization (VT) si adattano ai requisiti prestazionali degli utenti, ottimizzano il multitasking e aumentano l’affidabilità e la gestibilitá degli ambienti IT consolidati.

La versione quad-core del processore Xeon 5600 series, ottimizzata per la frequenza, opera a 3,46 GHz con un TDP di 130 watt, mentre la versione a sei core raggiunge i 3,33 GHz con un TDP di 130 watt. Le versioni evolute a sei core opereranno a 2,93 GHz con un TDP di 95 watt, mentre il processore quad-core standard raggiungerà i 2,66 GHz a 80 watt. Le versioni a basso consumo del chip saranno caratterizzate da TDP di appena 60 W e 40 W e saranno dotate rispettivamente di sei e quattro core.

Intel ha inoltre annunciato la disponibilità del processore Intel Xeon L3406 Series. Destinato al segmento dei micro server monoprocessore, questo processore – con un TDP – di appena 30 W rappresenta la soluzione ideale per ambienti con fattori di forma ad alta densità e requisiti energetici rigorosi.

Record mondiali nelle prestazioni

Il processore Intel Xeon 5600 series estende i vantaggi prestazionali offerti dal processore Intel Xeon 5500 con oltre 12 nuovi record mondiali per i server e le workstation a 2 socket. Questi processori offrono livelli straordinari di efficienza energetica e prestazioni e hanno stabilito un nuovo record con SPECpower_ssj2008 sia per i server a nodo singolo che multi-nodo.

Leggi anche:  La proposta di Bruxelles: USB-C per tutti i dispositivi elettronici

In particolare, il sistema server IBM x3650 M3 (nodo singolo) ha ottenuto il punteggio complessivo di 2.927 ssj_ops/watt, con un miglioramento del 42% rispetto al processore Intel Xeon serie 5500 della generazione precedente, mentre il sistema server IBM dx360 M3 (multi-nodo) ha registrato un risultato complessivo di 3.038 ssj_ops/watt, con un miglioramento fino al 31% rispetto ai processori della generazione precedente.

Il server a 2 socket Fujitsu PRIMERGY RX300 S6, con due processori Intel Xeon serie L5640 soddisfa i requisiti dei clienti che desiderano le prestazioni del processore Intel Xeon serie X5570 ma con un consumo energetico della piattaforma fino al 30% inferiore.

Il sistema Fujitsu PRIMERGY RX300 S6 ha stabilito un record mondiale nelle prestazioni Java (punteggio SPECjbb2005 di 928.393, fino al 46% più elevato rispetto alla generazione precedente), un record mondiale nelle prestazioni ERP (punteggio SAP-SD 2-Tier ERP 6.0 Unicode di 4.860 utenti benchmark, fino al 27% più elevato rispetto alla generazione precedente) e un record mondiale nelle prestazioni dei servizi Web (punteggio SPECweb2005 di 104.422, fino al 25% più elevato rispetto alla generazione precedente).

Il sistema Dell PowerEdge R710 ha stabilito un nuovo record mondiale nelle prestazioni delle piattaforme server a 2 socket in base a SPECint rate_base2006 con un punteggio di 355 e in base a SPECfp_rate_base2006 con un punteggio di 248.

I server Cisco UCS B250 M2 basati su due processori Intel Xeon serie X5680 hanno stabilito un record mondiale per le prestazioni di virtualizzazione con un punteggio VMMark di 35,83 con 26 tile, ovvero prestazioni fino al 42% più elevate rispetto alla generazione precedente. La piattaforma Cisco UCS B200 M2 ha registrato un punteggio record con SPEComp Mbase2001 e la piattaforma Cisco UCS C250 M2 un punteggio record mondiale con il benchmark SPECjAppServer2004.

Nuovi processori embedded

Oltre ai processori di fascia enterprise, Intel ha lanciato tre processori specifici per il segmento embedded, tra cui i primi processori a sei core, Intel Xeon E5645 e L5638, e le versioni quad-core L5618 e E5620. Questi processori, con un supporto del ciclo di vita di 7 anni, sono progettati per gli ambienti con vincoli termici e per quelli dedicati alle comunicazioni, e consentiranno un trasferimento più rapido ed efficiente delle applicazioni tra dispositivi connessi alla rete.

Processore Extreme a 32 nm

Leggi anche:  Vivo debutta con la serie X60 e fotocamere Zeiss

Intel ha inoltre annunciato la disponibilità del nuovo processore Intel Core i7-980X Extreme Edition, il primo processore Intel a sei core con 12 thread di elaborazione realizzato con il processo produttivo a 32 nm. Con prestazioni straordinarie per la creazione di contenuti digitali, il rendering 3D, il multitasking e i videogame estremi, il nuovo processore Intel Core i7-980X è compatibile a livello drop-in con la maggior parte delle attuali schede madri basate su chipset Intel X58 Express.

Con una velocità di 3,33 GHz, il processore Core i7-980X viene fornito con l’overclocking abilitato per offrire flessibilità agli utenti avanzati che desiderano personalizzare le impostazioni della velocità, ed è dotato di 12 MB di Intel Smart Cache, il 50% in più rispetto all’attuale processore Intel di punta per i PC desktop. Nel corso della recente conferenza Game Developer tenutasi a San Francisco sono stati presentati videogame altamente threaded e prodotti per la creazione di contenuti digitali, ad esempio Ubisoft R.U.S.E, Sega Napoleon: Total War e Cakewalk Sonar Producer.

“Napoleon: Total War è basato sul nostro motore multi-threaded di seconda generazione e sul nuovo processore Intel Core i7-980X, che ci consentono di offrire un’esperienza più realistica grazie a un maggior coinvolgimento nell’azione”, ha commentato Mike Simpson, Creative Director per Creative Assembly Software. “Grazie al maggiore numero di core del processore Intel Core i7-980X,siamo in grado di aggiungere maggiori dettagli all’animazione delle unità di combattimento, sia terrestri che navali, per una migliore fedeltà visiva del videogame”.

Sistemi

A partire da oggi e nei prossimi 45 giorni, sono previsti annunci di server e workstation basati sul processore Xeon serie 5600 da parte di un’ampia varietà di produttori di sistemi di tutto il mondo, tra cui Cisco, Dell, Fujitsu, HP, IBM e Oracle. Le piattaforme basate su Xeon 5600 sono supportate anche da molti fornitori di software, ad esempio Citrix, IBM, Microsoft, Novell, Oracle, Red Hat, SAP AG e VMware.