Mercato server, HP guida la classifica

Mercato server in ripresa nel primo trimestre dell’anno. La crescita in volume rispetto al primo trimestre 2009 è stata del 23%, quella in valore del 6%. In base alle cifre rilasciate da Gartner è HP a condurre i giochi.

Le vendite della società sono aumentate del 26,6% mentre il fatturato è cresciuto del 15,9% acquisendo così una quota di mercato del 31,5%. HP stacca quindi IBM che, pur registrando una crescita a doppia cifra in volume, pari al 16%, ha accusato una diminuzione del giro d’affari del 2,1% e un fatturato complessivo di 3,05 miliardi di dollari. Il market share di IBM, pari al 28,4%, è quindi di quasi tre punti inferiore a quello di HP.

Il mercato continua a dare credito alla piattaforma Intel-Windows, diventata ormai lo standard de facto per le acquisizioni a volume. Lo stesso fenomeno della virtualizzazione, che corrisponde a un consolidamento delle risorse delle organizzazioni IT, si muove da tempo in questa direzione, privilegiando hardware a basso costo in grado di ridurre drasticamente il numero di server installati all’interno dei data center.

Nel corso degli ultimi anni i sistemi di derivazione legacy, Unix e mainframe, hanno continuato a perdere market share, diventando sistemi di eccellenza per specifici utilizzi e speicifiche applicazioni. Nel corso del primo trimestre il fatturato generato da sistemi Unix è diminuito del 26,9%, con perdite da parte di IBM e HP, rispettivamente del 15,3% e del 28,9%.

HP continua a essere l’azienda più performante di IBM nel segmento x86, dove registra un’impennata delle vendite del 28%. Da segnalare le ottime performance di Dell, + 35,5% in fatturato e più 33,5% in volume, risultati che determinano per la società texana una quota di mercato del 15,6%. Sempre più accentuata la caduta della componente server di Sun, società acquisita lo scorso anno da Oracle: volume d’affari in calo del 39%, numero di unità server vendute -29,5%.

Leggi anche:  Maticmind firma l’accordo per l’acquisizione del ramo FTTH di New Changer

I risultati del primo trimestre indicano quindi una tendenza che al momento, in area server, privilegia investimenti su piattaforme in grado di garantire la più alta flessibilità di utilizzo presso le strutture di data center dei clienti. Unix e mainframe svaporano. Sun, la società che rappresentava l’establishment Unix non si sa se potrà mai recuperare le posizione perse; all’interno di Oracle è destinata a diventare qualcosa di profondamente diverso da quello che ha rappresentato nel passato.