Al via The Human Face of Big Data

Riflettori puntati sul progetto The Human Face of Big Data:per 7 giorni, persone di tutto il mondo possono connettersi e condividere esperienze

Rick Smolan, creatore della rivoluzionaria serie “Day in the Life” e di altri progetti a livello mondiale di crowdsourcing, ha presentato una app mobile che consente alle persone di condividere la propria vita per una settimana (fino al 2 ottobre), confrontandola con altri utenti in tutto il mondo utilizzando i sensori dei telefoni e rispondendo a una serie di domande stimolanti sui rispettivi sogni, interessi e la propria opinione su temi inerenti la famiglia, i sogni, la fiducia, e la fortuna. La versione per Android è già disponibile, quella per iOS verrà lanciata a brevissimo.

Il 2 ottobre, Rick Smolan e il suo team ospiteranno una serie di eventi dedicati ai media che si terranno a Londra, Singapore e New York, nel corso dei quali i principali esperti dei Big Data analizzeranno e illustreranno quanto raccolto, nel corso dei sette giorni, dai partecipanti che hanno utilizzato l’app mobile in tutto il mondo. Inoltre, i principali esperti, scienziati e innovatori in tema di big data condivideranno alcuni esempi sul lavoro svolto all’interno di un “Big Data Lab” interattivo. Un webcast live consentirà alle persone di guardare i risultati in tempo reale.

“I Big Data hanno un impatto sempre crescente su ogni aspetto della nostra esistenza,” ha affermato Smolan. “Chiunque possieda uno smartphone è potenzialmente un “sensore umano”, e questa nuova possibilità di percepire e misurare il mondo in tempo reale è qualcosa di completamente nuovo per il nostro pianeta. Dalla cura delle malattie alla salvaguardia di risorse preziose quali acqua ed energia, i Big Data potrebbero rivelarsi lo strumento di cui abbiamo bisogno per indirizzare molte delle problematiche odierne.”

Leggi anche:  Data science, data engineering e operations. Cosa succede quando manca un team?

Fino al 2 ottobre, la app mobile The Human Face of Big Data invita le persone a condividere idee e a confrontare le risposte con altri utenti in tutto il mondo.

I tre elementi principali dell’app The Human Face of Big Data:

Dati passivi: informazioni raccolte dal telefono nel corso della giornata. Per esempio, la distanza percorsa e la velocità media o in quale momento della giornata si è maggiormente attivi.

Domande e risultati in tempo reale: le tematiche includono domande personali, sulla fiducia e la sicurezza, il sonno e i sogni, il sesso e gli appuntamenti. Le persone possono vedere come le loro risposte vengono confrontate con gli altri utenti nel mondo e classificare le risposte per età, genere e luogo.

Attività: sarà possibile caricare foto, mappare il proprio percorso quotidiano e scoprire il proprio “Sosia digitale.” Le attività dell’app includono:

Lucky Me: chiede alle persone di condividere i propri “rituali portafortuna”— cosa fanno prima di una gara sportiva, di un appuntamento di lavoro, o di altre occasioni importanti per far girare la sorte a loro favore.

Map My World: traccia il percorso di lavoro giornaliero delle persone, che possono condividere su Facebook e Twitter, inclusa la distanza totale, la velocità media e il periodo più attivo della giornata.

Data Doppelganger: offre l’opportunità di trovare il proprio “sosia digitale” – una combinazione del proprio viso (se si decide di caricare una foto) e di quella dell’utente con le caratteristiche più simili.

Before I Die: all’interno di un progetto stimolante e interattivo di Candy Chang, il cui libro è in uscita, Before I Die, le persone saranno invitate a condividere il loro sogno. I partecipanti potranno confrontare i propri desideri con quelli degli altri in tutto il mondo.

Leggi anche:  Etica e intelligenza artificiale, SAS guida la rivoluzione

Alla fine del progetto, i dati saranno resi disponibili in forma anonima ai ricercatori, agli scienziati digitali e agli educatori, in modo che questi possano tracciare un’istantanea dell’umanità raccolta in una settimana del 2012.

The Human Face of Big Data è un progetto editoriale indipendente reso possibile grazie al generoso supporto di EMC Corporation in qualità di main sponsor. Altri sponsor che supportano il progetto sono Cisco, FedEx, VMware, Tableau e Originate.

The Human Face of Big Data

The Human Face of Big Data è un progetto multimediale a partecipazione globale (crowdsourcing) che si focalizza sulla nuova possibilità di raccogliere, analizzare, confrontare e visualizzare grandi quantità di dati in tempo reale. Against All Odds Productions, descritta dalla rivista Fortune come “una delle più stupefacenti aziende in America”, è specializzata nell’ideazione ed esecuzione di progetti a partecipazione globale su larga scala che combinano una narrazione coinvolgente alla tecnologia più innovativa. I progetti dell’azienda sono stati pubblicati sulle copertine di numerose riviste quali Fortune, Time, Newsweek e US News & World Report.

Privacy e The Human Face of Big Data App

L’app The Human Face of Big Data è stata sviluppata tenendo in considerazione la privacy degli utenti. Le informazioni raccolte attraverso l’applicazione saranno utilizzate a scopo non commerciale e per uso educativo e intende fornire un fun look su come le risposte di ogni utente in tutto il mondo si confrontano. I dati rientrano in due categorie: (1) informazioni volontariamente fornite dagli utenti, inclusi I fotografi, (2) informazioni raccolte automaticamente dagli utenti che utilizzano l’app. Non vengono richiesti I nominative degli utenti, indirizzo email o altri riferimenti di contatto, e gli utenti non dovranno creare user name o password. Viene chiesta età e genere agli utenti per confermare la loro città riportata dal loro dispositivo mobile al primo utilizzo dell’app. Vengono analizzate le informazioni fornite dagli utenti su età, genere e luogo, e le risposte fornite alle nostre domande, e comparate alle informazioni fornite dagli altri utenti dell’applicazione in tutto il mondo. Se decidono di farlo, gli utenti possono utilizzare l’app senza fornire alcuna informazione identificativa nelle risposte relative alle attività.