Indra gestisce e utilizza il Centro Principale di Elaborazione e Archivio di immagini satellitari Sentinel-2

La Società accoglierà nei suoi impianti l’intera infrastruttura del nuovo centro dell’ESA. Questo contratto consolida la posizione di Indra come gestore dei centri di elaborazione e archivio di dati satellitari

Indra ha firmato un accordo con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per accogliere il Centro Principale di Elaborazione e Archivio di immagini della missione Sentinel-2 presso le sue strutture a San Fernando de Henares (Madrid, Spagna) e per occuparsi del suo funzionamento.

Questo accordo rafforza la posizione della multinazionale di consulenza e tecnologia come operatore dei centri di trattamento di immagini satellitari, consolidando il suo portafoglio di soluzioni e servizi nel settore spaziale. La compagnia è leader nello sviluppo dei comparti terrestri in Spagna e ha una vasta esperienza in sistemi e applicazioni di osservazione della Terra.

I satelliti Sentinel sono parte del programma Copernicus, prima denominato GMES (Global Monitoring for Environment and Security) attraverso il quale, l’Europa avrà la capacità di osservare la Terra, riuscendo a soddisfare le esigenze di diversi utenti.

Il centro di elaborazione e archivio entrerà in servizio nel mese di settembre 2014, in concomitanza con il lancio di Sentinel-2A. Il centro sarà successivamente ampliato per gestire i dati del secondo satellite, Sentinel-2B,che verrà lanciato nello spazio nel 2016.

Questi satelliti, in orbita polare, cattureranno immagini ad alta risoluzione a 13 bande, nella parte visibile e infrarossi dello spettro luminoso. La loro vita utile sarà di circa 7 anni ciascuno, con possibilità di estensione di ulteriori 5 anni.

Il team di Indra, specializzato nell’osservazione della Terra, sarà responsabile della gestione e del funzionamento complessivo del centro, tra cui l’elaborazione delle immagini e la loro distribuzione agli utenti.

Leggi anche:  Covid-19: Zalando venderà mascherine devolvendo i profitti all’humedica

Indra sarà responsabile anche della archiviazione dei dati a lungo termine. Ogni anno verranno memorizzati fino a 1.000 terabyte di nuove immagini. La società conserverà queste informazioni nel suo avanzato Centro di Elaborazione di Dati di San Fernando de Henares, attualmente strutturato su 5.000 metri quadrati, con un tasso di servizio senza interruzioni del 99,98%.

D’altro canto, il ruolo di Indra come gestore e responsabile del Centro di Elaborazione e Archivio Sentinel-2 metterà l’azienda in una posizione eccellente per offrire nuovi servizi personalizzati ai propri clienti partendo dai dati provenienti dai satelliti Sentinel dell’Agenzia Spaziale Europea (Sentinel-1 e Sentinel-3 e in futuro Sentinel 4 e 5). Sulla base delle informazioni estratte dalle immagini, è possibile offrire servizi ad alto valore aggiunto per gli utenti che richiedono dati legati all’ambiente, agricoltura, uso del suolo, emergenze, gestione delle acque, foreste, ecc.

Immagini che supportano le decisioni

Indra ha una lunga esperienza nel campo dell’osservazione della Terra. L’azienda vende immagini e servizi a valore aggiunto a progetti nazionali e internazionali. Nello scorso anno 2012, ha rafforzato questa linea di business dopo aver realizzato una partnership con RapidEye per accedere alla costellazione di cinque satelliti.

Le informazioni fornite da queste immagini sono enormi. Ad esempio, nel campo della gestione delle risorse naturali possono essere utilizzate per studiare l’evoluzione dei dati di produzione delle colture, fare previsioni su di esse, stimare i danni da eventi avversi o conoscere la domanda di acqua richiesta per le superfici da irrigare.

Nel suo ruolo di fornitore di servizi sull’osservazione della Terra si aggiunge l’esperienza di Indra nello sviluppo della segmentazione del territorio attraverso questi satelliti. Indra guida lo sviluppo dei sistemi che gestiranno e monitoreranno il satellite ottico Ingenio e il satellite radar Paz, del Piano Nazionale di Osservazione della Terra spagnolo.

Leggi anche:  Tassi di assunzione, come il Covid-19 continua a influenzare i dati in Italia

Indra inoltre, sarà responsabile per l’implementazione, la manutenzione e il supporto operativo dei sistemi di ricezione delle immagini dei satelliti Helios e Pleiades per il Ministero della Difesa, per questi progetti guidati da Francia e Spagna. Ha inoltre guidato la realizzazione della segmentazione del territorio nella missione SMOS per studiare il ciclo dell’acqua sulla Terra, lanciata dall’Agenzia Spaziale Europea.

All’interno di GMES, Indra ha partecipato a progetti per la definizione di prodotti per le città, per la sicurezza ed emergenza e l’uso del territorio, oltre a fornire livelli di riferimento come il Modello Digitale del Terreno, idrografia e terreni da pascolo (progetti GMES Urban Services, BOSS4GMES, GEOLAND2, SAFER, G-MOSAIC, G-SEXTANT, G-NEXT, Initial GMES Service for Geospatial Reference Data Access, GIO-Land e GIO-Emergency).