Le due marce della GDO sui social network

Secondo un’indagine di Blogmeter i brand di Elettronica ed Editoria volano su Facebook e Twitter, mentre è ancora sporadica la presenza degli Alimentari

Come si stanno muovendo sui social network i brand della Grande Distribuzione? All’interrogativo ha risposto Blogmeter attraverso una ricerca presentata nel corso dei DM Awards, l’evento organizzato recentemente da Distribuzione Moderna. L’indagine, che ha analizzato, tramite il tool proprietario Social Analytics, le performance delle pagine Facebook (periodo 1 ott/15 nov) e dei profili Twitter ufficiali italiani (1/15 nov) di 38 brand, ha fotografato un settore che sui social network avanza a due velocità. Decisamente sprintosi i brand del segmento della GDO non alimentare, tutti assai impegnati a promuovere prodotti, concorsi e a costruire community, poco corposa invece la presenza di quelli della GDO alimentare, probabilmente ancora fermi ad una fase di osservazione.

Su Facebook vince Euronics Italia

Nel settore della GDO non alimentare è l’elettronica ad interessare maggiormente gli utenti di Facebook. Sia la classifica per numero di fan che quella per engagement sono dominate dai medesimi brand. In cima al podio la pagina di Euronics Italia – 370.000 fan capaci di generare una media di 119 interazioni per ogni post pubblicato – seguita da Marcopolo Expert – 205.000 fan per una media di 40 interazioni – e da GameStop Italia, 163.000 fan per una media di 32 interazioni. I contenuti che cercano di costruire un dialogo con la comunità di riferimento sono quelli con maggiore appeal e solitamente vengono corredati da link al sito di riferimento o a immagini utilizzate per promuovere prodotti, comunicare nuovi concorsi o costruire community intorno a icone condivise, le quali spesso fanno leva sull’effetto nostalgia, come ad esempio la pubblicazione di una immagine di Sonic, mascotte storica dell’omonimo videogioco degli anni ‘90. A volte le pagine vengono utilizzate per attività di Customer Relationship Marketing (CRM), come ad esempio quella di Unieuro, che ha risposto a ben il 77% dei post scritti dai propri fan.

Leggi anche:  BPER Banca, via al crowdfunding per finanziare 5 progetti educativi

Twitter è dominato da Feltrinelli

Su Twitter il podio viene occupato dai brand legati ai prodotti dell’editoria. In vetta troviamo Feltrinelli con quasi 369.000 follower e il miglior tasso di engagement per tweet, ottenuto grazie a una strategia mirata a coinvolgere gli utenti stimolandone la fantasia attraverso la creazione di hashtag quali #sefossiunlibro, il cui tweet di lancio ha ricevuto 88 messaggi di risposta che citavano anche il nome del brand, aumentando così l’awareness e il numero di impression. Libri Mondadori è in seconda posizione per numero di follower (oltre 190.600) e in terza per capacità di engagement con una media di 0.8 interazioni effettuate dagli utenti per ogni tweet postato, superata da Euronics Italia, che, pur in quinta posizione per numero di follower (circa 13.000), riesce a generare in media almeno una reazione per ogni tweet pubblicato. Il fatto che il profilo Twitter e la pagina Facebook più popolari abbiano lo stesso bacino di utenza (368.800 follower de La Feltrinelli vs 370.000 fan di Euronics) significa che la scelta del canale social su cui puntare non dovrebbe dipendere solo dalla sua capacità diffusiva, ma da un’attenta scelta strategica: un canale più giovane e meno diffuso come può essere Twitter può infatti rivelarsi la scelta vincente se utilizzato correttamente.

La GDO alimentare è poco presente

Infine, come anticipato, il ramo alimentare del settore della GDO sta ancora esplorando il territorio social: solo il 30% dei brand analizzati ha una pagina Facebook ufficiale, solo il 17% un profilo Twitter e solo il 13% è presente su entrambi i canali. Su Facebook la pagina di Lidl Italia è quella con il maggior numero di fan, circa 151.500, seguita a grande distanza da Despar Nordest (22.800) e U2 Supermercato(21.500). Lidl ha un ottima capacità di coinvolgimento dei fan – generano una media di 250 interazioni per ogni post della pagina – grazie a una combinazione di immagini, dialogo e conoscenza dei propri punti forti: infatti pubblica frequentemente proposte per risparmiare, spesso in forma di gioco o offre ai suoi fan regali esclusivi.

Leggi anche:  L'Unione Europea sfida l’accordo Microsoft-Activision