Microsoft a un passo dall’acquisizione di Skype

Come spesso accade quando c’è di mezzo un’azienda da acquisire non sono mai i primi nomi che iniziano a circolare quelli che alla fine l’hanno vinta. Non saranno né Facebook, né Google a mettere le mani su Skype.

Ad essere ormai vicinissima alla conclusione dell’operazione è Microsoft che si dice pronta a investire sull’Internet phone company una cifra compresa tra i 7 e gli 8 miliardi di dollari. Una notizia che se si dovesse avverare sarebbe davvero unica.

In tutta la storia di Microsoft sono state davvero rare le acquisizioni miliardarie. Tre anni fa aveva fatto la corte a Yahoo! mettendo sul piatto la cifra iperbolica di 48 miliardi di dollari. Ma il matrimonio non si è mai consumato e l’internet company è oggi valutata la metà di quanto era allora disposta a pagare Microsoft.

Skype vanta 663 milioni di utenti registrati,. Di questi più di 8 milioni hanno in essere un servizio a pagamento. Il fatturato 2010, secondo quanto riportato dalla stampa finanziaria americana, sarebbe di 860 milioni di dollari. Il problema di Skype è sempre stato come monetizzare il ricco audience che gravita attorno ai propri servizi internet. Anche nel 2010 la società ha infatti chiuso registrando una perdita di 7 milioni di dollari.

Quali siano gli obiettivi di Microsoft conseguenti l’acqusizione di Skype è ancora tutto da scoprire. Verrà mantenuto come un servizio a sé, oppure sarà integrato all’interno dei prodotti della Casa di Redmond?

L’ipotesi più accreditata è che possa innanzitutto costituire un plus nell’offerta che si va configurando sulla componente mobile e nell’evoluzione prevista con la partnership con Nokia. Non meno importante potrebbe essere l’integrazione del Voip all’interno di Facebook, di cui Microsoft è investitore.

Leggi anche:  La curiosità al centro della più grande campagna brand di SAS degli ultimi 20 anni

Operazione che consentirebbe al social network di avere il Voip senza necessariamente acquisire Skype, così come in un primo tempo era stato ventilato, contando su una intesa con Microsoft che mette nell’angolo Google.