Nuovi aggiornamenti per Blue Coat PacketShaper

I nuovi aggiornamenti delle appliance Blue Coat Packetshaper garantiscono visibilità e controllo su tutte le applicazioni connesse alla rete aziendale

Blue Coat Systems presenta nuovi aggiornamenti per le appliance Blue Coat PacketShaper, che consentono l’accesso sulla rete aziendale alle applicazioni Web, in the cloud e ricreative ad uso misto, fornendo al contempo una user experience di alto livello mantenendo inalterata la produttività dei dipendenti. I più recenti progressi delle appliance PacketShaper offrono visibilità delle applicazioni e dell’attività Web, oltre a policy a livello di utente e di gruppo che consentono alle aziende di ottenere il controllo delle infrastrutture IT ombra, generate dall’introduzione di applicazioni non riconosciute nella rete aziendale.

I dipendenti si affidano sempre più ad applicazioni Web e cloud per incrementare la propria produttività. Le aziende non sono, tuttavia, in grado di controllare queste applicazioni che, di conseguenza, possono consumare una quantità di larghezza di banda aziendale sproporzionata, incidendo sulle prestazioni di altre applicazioni fondamentali per l’attività aziendale.

Gli upgrade di PacketShaper comprendono:

Visibilità granulare dell’attività e delle applicazioni. Le appliance PacketShaper classificano ora le applicazioni Web, le applicazioni mobili native e mobili via browser e le loro attività, offrendo alle aziende una visione dettagliata e completa del traffico che attraversa la rete aziendale.

Controllo a livello di utente e di gruppo. Le appliance PacketShaper offrono ora alle aziende la possibilità di impostare policy granulari a livello di utente e di gruppo, che garantiscono un’esperienza di alto livello agli utenti che si affidano ad applicazioni Web e in ambiente cloud per svolgere il proprio lavoro.

Vista aggregata dell’attività a livello di utente. Gli upgrade offrono, inoltre, una vista aggregata dell’attività di un singolo utente per tutti i dispositivi che utilizza in rete grazie alla quale le aziende ottengono le informazioni complete necessarie per l’impostazione di policy di qualità del servizio adeguate.

Leggi anche:  Confcommercio, InfoCert e Sixtema insieme per l’innovazione delle PMI

“In qualità di integratore di sistemi audio e IT per super yacht, l’obiettivo di Van Berge Henegouwen è quello di fornire al proprietario un’esperienza utente on-line in grado di competere con quella di casa”, ha dichiarato Andre Klepper, manager IT di Van Berge Henegouwen. “PacketShaper consente di assegnare priorità al traffico a bordo di qualsiasi imbarcazione e assegnare la larghezza di banda adeguata alle applicazioni vitali e alle app di comunicazione, offrendo al contempo un utilizzo ottimale di Internet ai proprietari. Capire qual è la larghezza di banda necessaria ai vari membri dell’equipaggio consente all’ingegnere di bordo di trovare con maggiore facilità un equilibrio fra tutte le esigenze.”

Grazie ai nuovi potenziamenti di PacketShaper, le aziende possono adottare nuove applicazioni Web e in the cloud necessarie ai dipendenti per svolgere con efficienza il proprio lavoro senza per questo rinunciare al controllo della rete. Per ottenere questo risultato, le appliance PacketShaper offrono alle aziende:

• Migliore comprensione del consumo di larghezza di banda da parte di utenti, applicazioni e attività.

• Assegnazione di priorità e di larghezza di banda alle applicazioni di importanza nevralgica in base a gruppi o utenti, offrendo ai dipendenti un’esperienza utente migliore.

• Identificazione e blocco delle applicazioni non autorizzate.

I controlli granulari delle applicazioni e dell’operatività, combinati con la capacità di impostare policy di qualità del servizio a livello utente, consentono alle aziende di garantire la larghezza di banda alle applicazioni e alle attività Web e in ambiente cloud volute dall’IT, così che la migliore user experience incoraggerà l’adozione delle applicazioni preferite. Un’azienda potrebbe, ad esempio, assegnare la priorità al caricamento e allo scaricamento di file da Box.com limitando al contempo quelle attività verso altri siti di storage on-line che l’azienda non ha ancora standardizzato.

Leggi anche:  Rosenberger OSI premiata "Leader per l'innovazione digitale"

Queste novità forniscono, inoltre, alle aziende un potente strumento per gestire le applicazioni Web complesse a uso misto come Facebook o YouTube. Con policy a livello di utente, le aziende sono in grado di garantire ai dipendenti del gruppo marketing la larghezza di banda necessaria per caricare video. Grazie a questo controllo granulare le aziende possono aprire le proprie reti ad applicazioni a uso misto senza compromettere le prestazioni di altre applicazioni vitali per l’attività aziendale.

“Quando si utilizzano applicazioni BYOD, di social networking e applicazioni Web complesse, sia per il proprio lavoro che per altri motivi non strettamente legati all’attività aziendale, l’impatto sull’utilizzo della larghezza di banda e sulle prestazioni delle applicazioni è significativo; tuttavia, le aziende non hanno normalmente visibilità e controllo sulle infrastrutture IT ombra che vengono così introdotte nella rete”, ha dichiarato Mark Urban, responsabile senior del marketing di prodotto di Blue Coat Systems. “PacketShaper sta cambiando questa dinamica in quanto porta alla luce queste infrastrutture ombra e fornisce alle aziende la possibilità di adottare queste tecnologie e fornire strumenti migliori ai propri dipendenti”.

Le appliance PacketShaper classificano tutte le applicazioni in rete e sono integrate nel servizio WebPulse di Blue Coat che fornisce in tempo reale classificazioni di decine di milioni di siti Web e applicazioni. Nuove applicazioni Web, mobili native e mobili via browser e le attività classificate in WebPulse, saranno disponibili per tutte le appliance PacketShaper senza necessità di aggiornamenti del software o plugin. La possibilità di conoscere in modo tempestivo i contenuti e le applicazioni Web che attraversano la rete aziendale consentirà alle aziende di adottare nuove applicazioni senza sacrificare controllo o prestazioni di altre applicazioni business-critical.

Leggi anche:  Check Point Software Technologies: i risultati finanziari del terzo trimestre 2020