QlikTech indice un concorso per sviluppatori e progettisti “Take Action Open Data Challenge”

Il concorso “Take Action Open Data Challenge” incoraggia partecipanti da tutto il mondo a utilizzare QlikView per ottenere informazioni importanti che possono favorire un cambiamento positivo e fruttare premi fino a $10.000

QlikTech ha annunciato la partenza del concorso Take Action Open Data Challenge, con cui invita i partecipanti a utilizzare QlikView per scoprire informazioni inattese dai dati pubblici e privati che potrebbero avere un impatto per cambiare positivamente il mondo.

L’iniziativa: Le fonti di dati aperte e pubbliche su popolazioni, povertà, problemi sanitari, istruzione, trasporti e ambiente contengono un mare di informazioni. Se correttamente sfruttati, questi dati potrebbero portare a intuizioni importanti da mettere a disposizione di un pubblico più vasto. Il concorso “Take Action Open Data Challenge” invita i clienti, i partner, gli sviluppatori e i neofiti di QlikView a creare un’applicazione che scopra tendenze, riveli modelli o mostri come i programmi potrebbero essere distribuiti in modo più efficiente. Anche gli studenti di analisi aziendale e coloro che partecipano al QlikView Academic Program sono invitati a presentare un’applicazione.

Premi: Le tre applicazioni vincitrici saranno pubblicate su http://demo.qlikview.com e premiate in denaro.

1° posto: $10.000

2° posto: $5.000

3° posto: $2.500

Date importanti:

31 ottobre 2013: scadenza presentazione applicazioni

15 novembre 2013: annuncio cinque semi-finalisti

15-29 novembre 2013: inizio votazione da parte dei membri della QlikCommunity

2 dicembre 2013: Annuncio primi tre classificati

Come partecipare: Creare un’applicazione utilizzando i dati pubblicamente disponibili da siti come il catalogo dati internazionale: http://www.datacatalogs.org/, che contiene i set di dati curati da esperti di “open data” di fama internazionale. I partecipanti possono scaricare QlikView Personal Edition gratuitamente.

Leggi anche:  Se gli analytics sposano l’IoT