Venture Capital, Filas e Aldabra investono in Crest Optics

Punta sulle bioscienze e su una tecnologia unica in Europa Crest Optics, la nuova startup hi-tech su cui Filas ha deciso di investire insieme ad Aldabra Capital attraverso il Fondo Por Fesr I.3 della Regione Lazio per il Capitale di Rischio

Un comparto strategico, quello delle bioscienze, che vede il Lazio, con il Distretto Tecnologico per le Bioscienze (DTB) gestito da Filas, primo in Italia per export nel settore farmaceutico e biomedicale (4,7 miliardi di euro pari al 31% del totale) e al primo posto per l’incidenza dei due settori sul totale dell’industria regionale (dati Rapporto sulle Biotecnologie in Italia – Assobiotec-Ernst &Young – giugno 2013).

Il round di investimento per Crest Optics srl prevede l’apporto di 400mila euro da parte di Filas e Aldabra Capital, che acquisiranno il 35% della società. Fondata da Vincenzo Ricco – 35 anni di esperienza imprenditoriale nel settore optoelettronico – Crest Optics srl sviluppa e produce strumenti elettro-ottici innovativi per applicazioni scientifiche e industriali. Il primo prodotto della startup è X-light: una tecnologia unica in Europa e già leader della propria nicchia di mercato con 100 dispositivi venduti in meno di 2 anni, per 3 milioni di euro (tra i clienti, Molecular Devices Japan, Thermo Fisher e Nikon Instruments).

X-light è un sistema di microscopia a “spinnig disk” (disco rigido che ruota fino a 20mila giri al minuto) che permette di trasformare a “basso costo” un microscopio standard in uno confocale ultraveloce. Diversamente dai sistemi confocali tradizionali, che realizzano solo qualche immagine al secondo, il sistema Xlight può effettuare acquisizioni velocissime – da 500 a 1000 immagini al secondo –ricostruendo sia il volume tridimensionale della cellula che il suo comportamento.

Leggi anche:  Exprivia approva i dati 2020: ricavi stabili, utile raddoppiato

Il co-investimento Filas- Aldabra servirà ad accelerare ulteriormente lo sviluppo commerciale di X-light e di prodotti complementari e finanzierà lo sviluppo di ulteriori sistemi, anche attraverso la partnership della startup con l’Istituto Italiano di Tecnologia.

L’operazione Crest Optics si affianca alle azioni della Filas a supporto delle bioscienze nel Lazio attraverso il DTB, di cui Filas è ente attuatore. Il comparto delle bioscienze vede, oltre al primato sull’export, il Lazio al secondo posto in Italia, dopo la Lombardia, per fatturato (1 miliardo 431mila euro solo per le imprese biotech – elaborazioni Ernst & Young 2013) e per numero di industrie e addetti sia nel farmaceutico (97 imprese per 15mila addetti, dati Farmindustria 2012) che nel biotech (38 imprese e 1.271 addetti in R&S). Dal 2009 ad oggi attraverso il DTB, Filas ha investito circa 29 milioni di euro, sostenendo con 3 bandi 72 progetti di Ricerca e Sviluppo di 120 aziende laziali in collaborazione con gli organismi di Ricerca e 3 programmi triennali di Ricerca nelle neuroscienze. Il DTB fa inoltre parte del Cluster Tecnologico Nazionale ALISEI, nato nel 2012 nell’ambito del bando MIUR per favorire la crescita economica e l’innovazione della filiera.

Sul fronte del Venture Capital, Filas ha coinvestito attraverso il Fondo Por Fesr I.3 anche in Mediapharma, azienda biotech specializzata nello sviluppo di anticorpi monoclonali per la cura dei tumori, presente al Tecnopolo Tiburtino. Il round di finanziamento chiuso a ottobre 2012, ha visto l’investimento di 350mila euro da parte di Filas e Toto Costruzioni che hanno acquisito circa l’11% della società.