Viagra al femminile? Arriva il gel nasale che facilita l’orgasmo

Si potrebbe definire una sorta di viagra “rosa”, il nuovo ritrovato dell’azienda canadese Trimel Pharmaceuticals che promette di facilitare l’orgasmo femminile

Si tratta di un gel, a base di testosterone, ormone sessuale la cui carenza nell’organismo è solitamente associata ad una scarsa libido e ad una limitata capacità di raggiungere il culmine del piacere.

In realtà questo non è l’unico studio a riguardo, dato che è in sperimentazione Lybrido, la pillola del piacere femminile, che potrebbe essere commercializzata nel 2016. E’ pronto per entrare in commercio anche Orlibid, un farmaco per aumentare il desiderio sessuale femminile, che sembra sia utile anche per mantenere la linea. 

Il viagra rosa

Si chiama Tefina, il gel sviluppato per ovviare ai problemi di orgasmo del gentil sesso, dovuti anche all’angoscia legata al dover nascondere o manifestare questo disagio al partner. Il farmaco è frutto di uno studio condotto su 253 donne di Stati Uniti, Canada e Australia, in età fertile e in menopausa, tutte affette dall’assenza di orgasmo o da orgasmo ritardato, dopo una normale fase di eccitazione sessuale (FOD).

La sperimentazione 

Il test è stato realizzato su volontarie che sono state sottoposte a trattamento randomizzato ad uno dei 3 dosaggi previsti dalla sperimentazione (0,6 mg, 1,2 mg, 1,8 mg) o di un placebo, e trattate nel corso di 84 giorni. I risultati hanno messo in luce che il gel nasale per l’orgasmo femminile ad un dosaggio di 0,6 mg porterebbe ad un aumento statisticamente significativo del numero medio di orgasmi durante il periodo di trattamento. Un’altra buona notizia è cheil farmaco sarebbe non darebbe intolleranze e non avrebbe effetti collaterali significativi. Il gel adesso è pronto per essere testato nella fase III, che prevede un numero di superiore di partecipanti. Se i risultati saranno nuovamente positivi le autorità potranno valutare se mettere effettivamente il farmaco sul mercato.

Leggi anche:  Ricerca Ricoh: le piccole imprese tra gap tecnologico e nuovi scenari