La stampa italiana su Facebook, ecco le strategie vincenti

Il momento preferito dagli utenti per postare commenti è al pomeriggio, dalle 17 alle 18, la giornata più attiva è il giovedì, quella più scarica la domenica. L’informazione ha ormai fatto capolino sui social network e come si vede, questa nuova opportunità incide nelle abitudini di consumo degli utenti web. Ma quante testate hanno realmente compreso che il consumo di notizie passa anche per gli ambienti sociali della rete? E soprattutto quali, tra queste, hanno messo in piedi strategie vincenti? A queste domande risponde BlogMeter, società di analisi delle conversazioni e delle interazioni in rete tra aziende e utenti, attraverso il primo rapporto sulle performance dei giornali cartacei su Facebook. Delle 161 testate considerate dall’indagine, il 63% vanta una pagina su Facebook, un valore ottenuto grazie ai quotidiani (88%), mentre solo la metà dei settimanali (48%) e dei mensili (51%), ha sino ad oggi compiuto questo passo. Attraverso lo strumento proprietario Facebook Social Analytics, BlogMeter ha analizzato tutte le interazioni tra pagine e lettori (oltre 2 milioni) nel periodo che va dal 20 marzo al 18 aprile scorso. 

Per quanto riguarda i quotidiani La Repubblica e Il Fatto Quotidiano sono i leader per numero di fan e capacità di “engagement” ossia coinvolgimento dei lettori in termini di like, commenti, condivisioni, post spontanei. La Repubblica vanta sia il post con più like nel periodo considerato (il link al video di Benigni da Fazio, 2.283 like) che il post più condiviso (la notizia della morte di Bovolenta, 1.427 condivisioni). Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport si collocano tra i “fan collector” perchè hanno molti fan, ma poco reattivi. All’opposto Leggo che ha molti meno fan, ma molto partecipi (167 reazioni per ogni 100 fan e 306 interazioni per ogni notizia pubblicata). Infine ci sono i “ritardatari”, coloro i quali hanno pochi fan e non riescono neanche a coinvolgerli adeguatamente. ma anche minore engagement totale. La maggior parte dei quotidiani analizzati rientra in questa categoria a dimostrazione che esistono ancora abbondanti margini di crescita.

Leggi anche:  Stipulata la fusione tra Konica Minolta Business Solutions Italia e Konica Minolta IJ Textile Europe

Tra i settimanali, Internazionale si impone per numero di fan (oltre 235.000) seguito da Donna Moderna (oltre 136.000), Vanity Fair, Grazia, L’Espresso. Se invece si guarda alle interazioni totali la classifica vede al primo posto Confidenze tra amiche con oltre 14.000 interazioni, seguito da L’Espresso (oltre 11.200), Vanity Fair (9.899), TV Sorrisi e Canzoni (8.697) e Internazionale (8.604). Quest’ultima testata è anche quella che sollecita più reazioni per singola notizia pubblicata (152 interazioni per notizia), seguito da Cioè, TV Sorrisi e Canzoni e L’Espresso. Infine, quelli con la base di fan più attiva sono Confidenze (per ogni 100 fan genera 101 interazioni) e TV Sorrisi e Canzoni (66 per ogni 100 fan).

Nel segmento dei mensili Vogue Italia è di gran lunga primo con oltre 408.000 fan, ma è anche abile a coinvolgere gli utenti, in questo caso assieme a La Repubblica XL. Quest’ultima svetta in termini di interazioni totali (oltre 36.000) seguita da Vogue e Focus (14.000 ciascuno), mentre per quanto riguarda la capacità di sollecitare le reazioni per singola news pubblicata emerge AltroConsumo (118 interazioni per ogni post). Infine i mensili con la base fan più attiva sono Psychologies Italia (per ogni 100 fan genera 44 interazioni), Le Scienze (43), Guerin Sportivo (41) che però hanno meno di 10.000 fan, e ancora La Repubblica XL (41).

L’indagine integrale è scaricabile cliccando qui