VMware: completata l’acquisizione di AirWatch

interoute_acquisisce_easynet

VMware annuncia di aver completato l’acquisizione del fornitore di soluzioni di enterprise mobile management e security AirWatch. Annunciata il 22 gennaio scorso, l’acquisizione ha un valore di circa 1,181 miliardi di dollari in cash e 364 milioni di dollari in pagamenti rateali e investimenti

VMware annuncia di aver completato l’acquisizione del fornitore di soluzioni di enterprise mobile management e security AirWatch. Annunciata il 22 gennaio scorso, l’acquisizione ha un valore di circa 1,181 miliardi di dollari in cash e 364 milioni di dollari in pagamenti rateali e investimenti.

L’acquisizione rafforza il team di End-User Computing di VMware. L’offerta di AirWatch andrà ad aggiungersi alle soluzioni di VMware, creando un più ampio e completo portafoglio di soluzioni per il mobile. Con il completamento dell’acquisizione, il team di AirWatch, guidato dal fondatore e CEO John Marshall, entra a far parte della divisione End User Computing di VMware. Alan Dabbiere, cofondatore e Chairman di AirWatch, supervisionerà un nuovo Board di AirWatch che riporterà direttamente a Pat Gelsinger, Chief Executive Officer di VMware.

“Siamo ansiosi di unire le forze di VMware e AirWatch per offrire innovazione senza precedenti nell’enterprise mobility e nella sicurezza in un mercato ormai composto di dispositivi eterogenei – siano essi iOS, Android or Windows – che ha superato l’era del PC”, ha commentato Sanjay Poonen, EVP e GM della divisione End-User Computing di VMware.

Con base ad Atlanta, AirWatch è il fornitore leader per soluzioni enterprise per Mobile Device Management, Mobile Application Management and Mobile Content Management. Con più di 10.000 clienti nel mondo e oltre 1600 dipendenti in nove uffici, AirWatch offre soluzioni che danno alle aziende una piattaforma strategica per gestire in sicurezza un numero crescente di dispositivi e di utenti mobili. La sede di Atlanta si espanderà per diventare il centro delle attività mobile di VMware.

Leggi anche:  Il “manifesto” per un’innovazione finanziariamente sostenibile