SAS, È ORA DI VISUAL ANALYTICS


Interfaccia intuitiva e supporto iPad per la nuova soluzione di business intelligence che analizza e visualizza grandi quantità di dati

 

Con un occhio di riguardo verso i Big Data, SAS (www.sas.com/italy) arricchisce la linea di soluzioni High Performance Analytics con un prodotto di Business Intelligence In-memory dedicato all’analisi di volumi anche enormi di dati. Le promesse di SAS Visual Analytics, questo il nome dell’ultimo, sono di tutto rispetto: grazie alle nuove tecnologie adottate, la soluzione permette infatti di esplorare enormi quantità di dati in pochi istanti. «Quella determinata analisi che fino a ieri richiedeva ore o anche giorni adesso si riesce a svolgere in un batter d’occhio», ha sottolineato nel corso di una Web conference Randy Guard, vice president product management di SAS. Ma non solo: grazie all’utilizzo intensivo dell’architettura open source Hadoop, si riesce a superare il limite delle 1.000 colonne di dati tipico dei database relazionali. Il nucleo centrale della nuova soluzione è Lasr Analytic Server, che «non ha alcun limite di questo tipo ed è stato testato con oltre 20mila colonne di dati e più di un miliardo di righe».

Un altro componente del nuovo prodotto SAS è Visual Analytics Explorer, l’interfaccia designata all’esplorazione dei dati, che include funzionalità statistiche estremamente avanzate e adotta un’interfaccia potente, ma semplice, con la quale i risultati delle analisi possono essere facilmente condivise via Web, in file di tipo pdf oppure su tablet come gli iPad. La relativa app è già disponibile su iTunes, mentre presto saranno disponibili client anche per altri tipi di tablet. I componenti lato server della soluzione funzionano su prodotti non proprietari come Linux Red Hat o Suse, e anche a livello hardware i requisiti si mantengono molto accessibili. SAS parla infatti di configurazioni di riferimento per Analytic Server che iniziano con un server a 8 blade con 96 core, 768 gigabyte di memoria e 4,8 terabyte di disco.

Leggi anche:  Chief data officer, alla ricerca di un nuovo modello