TARGIT PRONTA PER IL CLOUD


La suite di Business Intelligence 2k11 introduce anche nuove funzionalità predittive e di alerting

 

Incontrare periodicamente clienti e partner è il modo migliore per costruire relazioni solide basate su una convergenza reale non solo di interessi, ma anche di valori. Non a caso i roadshow dei fornitori di tecnologie continuano a essere appuntamenti importanti, a cui utenti e operatori di canale dedicano volentieri tempo e attenzione. Lo si è visto anche alla tappa milanese del “Targit Tour 2011”, un evento che in ottobre ha toccato, oltre al capoluogo lombardo, anche Roma e Padova, durante il quale sono stati presentati i nuovi tool dell’omonima soluzione di Business Intelligence che Targit Italia (www.targit.com) ha il compito di diffondere sul mercato italiano. Prima di parlare del prodotto e di illustrare casi reali di successo, si è voluto però affidare all’Osservatorio sulla Business Intelligence della School of Management del Politecnico di Milano il compito di fare una panoramica sullo stato dell’arte del segmento: ne è scaturito uno scenario tutto sommato positivo, visto che, nonostante il periodo non certo facile, gli investimenti in BI in Italia continuano a crescere, registrando un trend nettamente in controtendenza rispetto ad altri settori industriali, ICT e non. Una tendenza che deriva anche dal fatto che le soluzioni di BI più innovative, come la suite di Targit, sono sempre più efficaci ed efficienti e riescono a fornire strumenti di analisi a supporto delle decisioni potenti e, nel contempo, semplici da utilizzare e gestire.

Il Tour naturalmente è stata l’occasione giusta per conoscere da vicino tutte le novità di Targit BI Suite 2k11, l’ultima versione rilasciata, «che presenta molte novità interessanti – ha sottolineato presentandola Roberto Butinar, Ceo di Targit Italia -, come funzionalità predittive e di alerting innovative che le fanno fare un deciso passo avanti nel mondo degli Analytics».

Leggi anche:  Data science agile? Ecco i quattro passi fondamentali

Significativa anche l’introduzione di Targit Cloud, un add-on che permette all’utente di analizzare i dati in modo nuovo, caricandoli “nella nube” e generando automaticamente modelli analizzabili tramite l’interfaccia Web di Targit. Merita un cenno anche il modulo di Corporate Communication grazie al quale è possibile definire avanzati processi di schedulazione, creare in modo semplice fascicoli direzionali (Report Collection), condividere analisi, tabelle e storyboard tramite semplici e-mail e mostrare su tutti i monitor presenti in azienda slide contenenti informazioni sempre aggiornate. La suite di BI di Targit, quindi, oggi è ancora più potente, flessibile e semplice da utilizzare, tenuto conto che, tra l’altro, si integra in maniera trasparente con i principali sistemi di gestione integrata presenti sul mercato, in particolare Microsoft Dynamics, come è stato spiegato nel corso del Tour anche con il supporto di casi concreti. A Milano, per esempio, Ebs, società che fa parte del polo Eos Solutions, partner di spicco di Microsoft Dynamics in Italia, ha raccontato come il gruppo Sutter, attivo nel settore dei prodotti per la pulizia, cura e disinfezione degli ambienti domestici e professionali, abbia adottato Targit BI Suite per integrare i dati operazionali con informazioni economico-finanziarie, tracciando indici di performance per clienti, prodotti, canali e tutti gli altri elementi della strategia commerciale al fine di avere in ogni momento una visione globale dell’andamento del business.