L’ECOSISTEMA PTC. INTEGRAZIONE E AUTONOMIA

Ansaldo Breda e Gruppo Trevi scelgono le soluzioni più efficaci per superare le sfide quotidiane dello sviluppo prodotto. Focus sul mercato delle PMI manifatturiere con Windchill PDM Essentials

 

 

Stefano Rinaldi, sector vice president e general manager di PTC Italia«PTC è nata nel 1985 e si è affermata come una product development company, un’azienda dedicata a tutto ciò che riguarda il processo di sviluppo dei prodotti, e nel corso degli anni si è sempre più evoluta nel campo della creazione di vantaggi competitivi per i nostri clienti, non solo nei prodotti, ma anche nei servizi offerti a corollario» – ha esordito Stefano Rinaldi, sector vice president e general manager di PTC Italia (www.ptc.com), inaugurando il PTC Live Tech Forum, l’appuntamento annuale dedicato ai clienti e partner italiani del colosso del PLM. L’evento di Parma, svoltosi ai primi di marzo, ha visto la partecipazione di oltre 300 persone e ha costituito l’occasione per illustrare davanti al pubblico di casa nostra il nuovo credo di PTC, sempre più focalizzata anche sul valore che le aziende possono sviluppare attorno ai servizi relativi ai loro prodotti, dato che il servizio sta diventando sempre di più un elemento strutturale dell’intero ciclo di vita dei prodotti. Il service lifecycle management (SLM), cioè la gestione del ciclo di vita del servizio di assistenza, completa l’intero processo di sviluppo prodotto affiancandosi alle altre fasi già note: gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM), progettazione assistita da computer (CAD), gestione del ciclo di vita delle applicazioni (ALM) e gestione della supply chain (SCM). Oggi, PTC si caratterizza per offrire alle aziende un completo ecosistema di prodotti e soluzioni in grado di accompagnarle in tutte le fasi relative ai prodotti, a partire dalle modalità in cui vengono ideati e progettati, passando per il mantenimento della qualità e della conformità alle normative lungo l’intero processo produttivo, fino ad arrivare alla fornitura di servizi di assistenza dopo la vendita del prodotto. «Anche per questo, PTC – ha sottolineato Rinaldi – è sempre più in grado di supportare le aziende nella realizzazione e nella tutela di un vantaggio competitivo sostenibile, aiutandole a fronteggiare l’attuale situazione del mercato». E in questa direzione va anche un prodotto annunciato proprio ai primi di marzo: Windchill PDM Essentials, la soluzione di gestione dei dati di prodotto (PDM) dedicata specificamente al mercato delle piccole e medie imprese manifatturiere, facile da implementare e gestire, che dispone di tutte le caratteristiche necessarie per essere subito operativi in un unico pacchetto, completo anche di database Microsoft SQL Server.

Leggi anche:  Tavola Rotonda Hybrid Working: nuovo modello di lavoro per un mondo che è cambiato

Vogliamo segnalare due esperienze di successo – quelle di Ansaldo Breda e Gruppo Trevi – che hanno offerto al pubblico intervenuto a Parma la possibilità di conoscere da vicino i vantaggi derivanti dall’implementazione delle soluzioni PTC in azienda. In particolare, per la società di Finmeccanica, specializzata nella progettazione e produzione di sistemi di trasporto avanzati, sono stati illustrati i miglioramenti ottenuti attraverso l’introduzione e la successiva estensione del PLM in azienda, con focus specifico sull’unificazione delle piattaforme CAD 3D. Rilevante anche la testimonianza di Gruppo Trevi – leader mondiale nell’ingegneria del sottosuolo fondata a Cesena e presente in oltre 80 Paesi, con al proprio attivo opere quali il consolidamento della Torre di Pisa e i lavori di fondazione del nuovo World Trade Center di New York – che ha riscontrato numerosi benefici dall’utilizzo di Windchill, a partire dal rispetto dei tempi di gestione delle commesse fino ad arrivare alla gestione della documentazione di prodotto.