Cyberoam annuncia l’autunno della sicurezza informatica

Nuove minacce da utenti interni e fidati alle aziende e nuovi strumenti per prevenirle

Cyberoam annuncia un fitto programma di appuntamenti per questo autunno.

Si parte con il Forum ICT Security dall’8 al 10 ottobre a Roma, a seguire la partecipazione allo Smau dal 22 al 24 ottobre a Milano e il Roadshow aziendale itinerante di 7 tappe, che percorrerà tutta l’Italia.

Maurizio Rasi, Country Manager per l’Italia di Cyberoam, presenta il programma: “In Cyberoam siamo molto attenti alla formazione e sensibilizzazione dei nostri clienti sulle nuove minacce per poter attivare un approccio alla sicurezza proattivo. I dati sugli attacchi informatici di questi ultimi anni registrano un forte aumento delle minacce originate da utenti interni e fidati alle aziende, come ad esempio l’accesso da parte di dipendenti e fornitori a dati sensibili che risiedono all’interno dell’infrastruttura IT dell’azienda per cui lavorano o una mancanza di controllo della navigazione web e della posta elettronica, che causa possibili infezioni ai sistemi critici. O ancora, anche la larga diffusione del così detto BYOD (Bring Your Own Device) aggrava la pericolosità dell’utente e dello stesso device. Per questo sono necessarie non solo misure di prevenzione, ma anche nuovi strumenti, in grado di correlare le minacce per identificare e prevenire gli attacchi”.

La tecnologia identity-based di Cyberoam, ad esempio, estende la funzionalità di security al Layer 8, il punto d’incontro tra persone e tecnologia, al fine di fornire trasparenza su ‘chi fa cosa’ nella rete e estendere la sicurezza fino all’utente reale. Attraverso strumenti euristici identity based è possibile, così, identificare i fattori di rischio attraverso l’analisi comportamentale degli utenti in rete e misurare il quoziente di minaccia degli utenti stessi (User Threat Quotient – UTQ) per fornire un completo controllo delle minacce e poter intraprendere automaticamente e in totale sicurezza un attacco.

Leggi anche:  Fortinet vince il premio "Commercial Marketplace Partner of the Year 2020" di Microsoft

Riconosciuta come azienda leader nell’innovazione, Cyberoam è in grado di rispondere in modo specifico alle esigenze critiche delle organizzazioni con caratteristiche uniche e moderne. La nuovissima tecnologia Waf – Web Application Firewall – ad esempio, permette una protezione avanzata delle applicazioni web (ecommerce, intranet, webmail aziendali). 4 Eye Authentication consente a Cyberoam di offrire l’unica soluzione di sicurezza UTM/NGFW veramente compliant con le normative sulla privacy.

Le soluzioni di Cyberoam estendono la sicurezza anche alle reti WiFi esistenti, grazie all’integrazione con i wireless controller per l’autenticazione utenti via Radius Single Sign On (RSSO) o via API. Il Wireless Guest User Authentication via SMS gateway, inoltre, consente di automatizzare i processi di gestione utenti ospiti delle reti WiFi, coprendo, così, anche le esigenze del mercato hospitality.

Massimo Grillo, General Manager&Ceo di Horus Informatica – distributore esclusivo in Italia di Cyberoam – dichiara: “La conoscenza delle minacce e un’adeguata formazione sugli strumenti per combatterle risultano fondamentali per prevenire i danni economici e intellettuali. Per questo abbiamo attivato un nuovo approccio 2.0 e professionale alla formazione riservata ai nostri partner con l’obbiettivo di definire un percorso di crescita orizzontale per tutto il canale e, allo stesso tempo, personalizzato sulle specifiche esigenze di formazione. I tradizionali appuntamenti formativi ufficiali dedicati alla certificazione professionale sono orientati alla verifica della conoscenza della soluzione; il nuovo approccio estende la verifica delle conoscenze ad argomentazioni tecniche che specificatamente dovrebbero corredare gli skill di un network security specialist. Con Cyberoam abbiamo attivato un programma ricco di appuntamenti, per aumentare il livello di preparazione tecnica dei nostri partner e supportarli concretamente nell’operatività lavorativa”.

Leggi anche:  Scoperte vulnerabilità nel sistema ClickShare di Barco