LSI e Sinfo One, un’alleanza “inossidabile”

Il sistema gestionale Si Fides implementato presso Lamiere Speciali Inox per gestire produzione e magazzino, con terminali touch-screen per il controllo in linea e la dematerializzazione dei flussi di carta

Lamiere Speciali Inox (LSI) è un centro di eccellenza per la produzione e la lavorazione dell’acciaio inossidabile. Vanta una lunga storia, fatta di trent’anni di esperienza, ma continua a guardare al futuro. «Fungiamo da anello intermedio tra l’acciaieria vera e propria e l’utilizzatore delle lamiere» – spiega Lorenzo Fava, CEO dell’azienda. L’attività di LSI consiste principalmente nella lavorazione di rotoli d’acciaio o coils, per trasformarli in lamiere o nastri destinati alla clientela, costituita da operatori specializzati nella lavorazione di questo materiale. Anche nel settore siderurgico, l’innovazione è importante per stare sempre un passo avanti alla concorrenza. E per LSI, innovare non significa produrre qualcosa di totalmente diverso, ma trasferire la potenza dell’Information Technology nelle linee di produzione.

Il sistema si espande

Dal 1997, questo avviene in partnership con Sinfo One, con il suo software di enterprise resource planning (ERP) Si Fides, che fornisce moduli di contabilità, controllo di gestione, cespiti, vendite, acquisti, magazzino, produzione e archiviazione ottica. «Abbiamo iniziato con l’informatizzazione delle attività contabili e di magazzino. In seguito, pochi anni fa, è stata la volta delle linee produttive. Questo ci ha permesso di ottimizzare i tempi di lavoro e la gestione dei diversi processi, limitando anche lo spreco di carta. La dematerializzazione prodotta dall’IT ha portato indubbi benefici in termini di efficienza generale» – sottolinea Fava. La differenza tra il prima e il dopo è evidente. Le linee di produzione sono gestite da tecnici, che hanno bisogno di ordini di produzione per il loro lavoro. Gli ordini erano cartacei, poi si è passati al formato elettronico. «Il giro di carta tra gli uffici e gli stabilimenti è diminuito molto, ora abbiamo informazioni più accurate e tempestive per gestire meglio tutto quello che avviene in azienda». Anche la consuntivazione della produzione è stata informatizzata e resa automatica, e il magazzino è gestito in modo più “evoluto” e funzionale. Infatti, LSI produce sia per il magazzino, con lamiere in formato standard per rispondere alle normali richieste del mercato, sia a fronte di ordini “su misura” in base a specifiche richieste dei clienti. «Il personale è stato dotato di terminali mobili e palmari, che visualizzano l’elenco delle commesse da evadere. In questo modo è più semplice gestire la produzione, conoscendo sempre esattamente le disponibilità a magazzino e lo stato delle singole commesse».

Leggi anche:  Smart Working in Italia: un fenomeno contagioso

Partnership inossidabile

L’anno scorso l’azienda si è dotata della soluzione di business intelligence integrata a Si Fides che permette di analizzare i risultati di LSI da diversi punti di vista e che rappresenta un ulteriore strumento a servizio del management e del processo decisionale. «Stiamo valutando la versione 7 dell’ERP di Sinfo One, e vogliamo dotarci anche di un CRM per la nostra forza vendita, in modo da gestire la rete degli agenti in modo più moderno. Oggi, questa parte del business si basa ancora molto sulla carta. Per stare al passo con i tempi, l’IT deve arrivare a coprire tutta l’azienda. Questo è il nostro obiettivo per offrire il massimo livello di servizio ai clienti». I passi fatti finora sono stati importanti, come cablare tutta l’azienda in wifi per costruire una rete wireless al servizio dei terminali fissi e mobili, mettendo a disposizione del personale i dati elaborati dall’ERP. «Possiamo solo essere soddisfatti e apprezzare il lavoro di Sinfo One, che del resto conosciamo da molti anni, per la professionalità dimostrata in tutta la durata del rapporto con noi. Sono un partner solido e affidabile, che ci sta accompagnando nel nostro percorso di crescita e successo» – conclude Fava.

Semplificare e controllare

Marco Bergamaschi, client manager di Sinfo One che ha seguito il progetto d’implementazione, spiega come sia stata condotta l’analisi preliminare del sistema informativo presso LSI, per la condivisione degli obiettivi con il management dell’azienda prima di procedere alla programmazione e all’implementazione vera e propria del software. «Sono stati analizzati nel dettaglio i flussi relativi alle operazioni di acquisto, produzione, magazzino e vendita. In seguito è stata definita la proposta per realizzare gli obiettivi di semplificazione del lavoro degli operatori: eliminazione dei flussi di carta tra ufficio e stabilimento e degli errori di trascrizione e accesso in tempo reale ai dati di produzione. In aggiunta a tutto ciò, sono state automatizzate le attività legate all’etichettatura e alla generazione dei lotti» – spiega Bergamaschi. Il progetto ha portato il mondo della radiofrequenza all’interno della realtà di LSI, sia a livello di magazzino che soprattutto di produzione, spostando la consuntivazione del dato produttivo direttamente sulla linea di lavorazione dello stabilimento, e non più in ufficio.

Leggi anche:  Zscaler annuncia i risultati finanziari del quarto trimestre e dell’intero anno fiscale 2020

Customizzazione dell’ERP

Tutta l’elaborazione dei dati è stata trasferita nel gestionale, Si Fides. Il punto di forza del progetto, l’elemento a maggior valore aggiunto, è stata la «totale customizzazione», sottolinea il manager. «Abbiamo installato sistemi di terminali a postazione fissa touch-screen lungo le linee di produzione, e creato viste di accesso diverse nell’ERP in base alle specifiche lavorazioni eseguite in LSI», per esempio la cesoiatura, la spianatura e lo scotch brite. «Il mondo LSI – prosegue il manager – è caratterizzato da un processo di evasione degli ordini, in parte soddisfatto con materiale già pronto, e di produzione vera e propria». Mentre la prima riguarda il prelievo di merce già stoccata a magazzino, la seconda, più complessa, è ciò che Bergamaschi definisce “il fiore all’occhiello” di tutto il progetto: la produzione e la registrazione in tempo reale dei dati di consuntivo relativi al lavoro delle macchine. «I terminali touch-screen installati controllano tutta l’attività delle linee di produzione. Ogni linea è stata suddivisa in postazioni informatizzate, collocate a inizio, metà e fine della sua lunghezza per essere più precisi possibile nella registrazione dei dati».

Prossimi passi nel futuro

La postazione di inizio linea corrisponde alla fase in cui viene prelevato il coil, il rotolo di lamiera dal quale inizia la lavorazione per ricavare i fogli, prodotti su indicazione dei clienti. A metà linea avviene la registrazione in tempo reale dei fogli e delle loro caratteristiche dimensionali e qualitative, mentre alla fine del percorso si chiude la commessa, indirizzando anche la preparazione dei “pacchi” pronti per essere spediti. «è stato fondamentale l’utilizzo della tecnologia a touch-screen e lo spirito di grande collaborazione che si è creato con tutto il personale di LSI». La maggior complessità rilevata, commenta Bergamaschi, è consistita nella pianificazione e gestione dei diversi rilasci eseguita senza interrompere mai le operatività del reparto. «LSI è una società capace di evolversi – conclude il manager – che vuole restare aggiornata per quanto riguarda l’ERP e i sistemi di produzione più moderni. è da sottolineare che stiamo studiando l’implementazione presso LSI di un’altra versione del nostro gestionale, per perfezionare ulteriormente il sistema informativo a supporto della produzione e della gestione dell’attività».

Leggi anche:  Il nuovo ruolo del CFO alle prese con i grandi cambiamenti