La risposta di Sophos alle minacce ransomware

La risposta di Sophos alle minacce ransomware
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un roadshow in otto tappe dedicato a Partner attuali e futuri svela le ultime novità nella lotta alle minacce informatiche più avanzate

Sophos presenta “Sophos Partner Day Roadshow 2017”, l’evento in otto tappe che prenderà il via da Ancona il 12 ottobre e toccherà Genova (24 ottobre), Bari (26 ottobre), Pescara (9 novembre), Catania (15 novembre), Palermo (16 novembre), Perugia (23 novembre) e Cagliari (29 novembre).

Questa serie di appuntamenti nasce con l’obiettivo di illustrare ai Partner, attuali e futuri, i rischi derivanti da un attacco ransomware e quali misure adottare per proteggersi al meglio, supportando così i clienti nella lotta ad una delle minacce più aggressive degli ultimi anni.  Le minacce di tipo ransomware, come ad esempio WannaCry, evolvono rapidamente diventando sempre più invasive e capillari e provocando serie ripercussioni finanziarie sull’attività di business dell’Azienda, non solo per l’ammontare dei riscatti richiesti per ottenere la chiave necessaria a decriptare i dati, ma soprattutto per i tempi di fermo dovuti alle operazione di recovery.

Sophos è da tempo in prima linea in questa lotta, investendo costantemente in soluzioni tecnologiche all’avanguardia volte a garantire un livello di sicurezza sempre più elevato. Le 8 tappe del roadshow saranno dunque l’occasione per approfondire la conoscenza del portafoglio di soluzioni Sophos: Sophos Intercept X, i nuovi UTM, il next generation endpoint, Sophos Enterprise Mobility Management, la crittografia sempre più semplice e immediata e l’offerta cloud e WI-FI sempre più completa.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Categorie: Sicurezza