Nintendo Switch: nuovo potere grazie agli hacker

2019, sarà l’anno della Nintendo Switch Mini

Tramite una backdoor che sfrutta una vulnerabilità del chip Nvidia, gli hacker sono riusciti a sbloccare il bootloader della console ibrida

Sappiamo quanto Nintendo ci tenga a tenere il suo ecosistema il più chiuso possibile. Questioni di marketing certo, ma anche legate alla sicurezza del software che gira a bordo dei prodotti. Si tratta della stessa linea seguita da Apple fin da quando ha lanciato il primo iPhone: nessuno può pubblicare app e giochi che non siano passati sotto la supervisione dei team interni. E come per iPhone (anche se meno che in passato), anche i fan di Nintendo spesso utilizzano metodi poco ortodossi per spingere le potenzialità dei dispositivi oltre i limiti imposti dalla casa. Ed è quello che gli hacker Derrek, Naehrwert e Plutoo hanno mostrato alla conferenza tedesca per smanettoni 34C3, in merito allo sblocco del bootloader della Switch.

Cosa è successo

Utilizzando una backdoor del chip Nvidia Tegra X1, che potenzia motore e grafica della console, i ragazzi hanno sbloccato il kernel della Swtich, valicando le misure di protezione della System Memory Management Unit (SMMU) di bordo, per ottenere privilegi di amministrazione e permettere al device di far girare anche programmi non certificati da Nintendo, e dunque potenzialmente dannosi. Lo scopo non è certo questo, infatti gli hacker non hanno diffuso il processo di hacking, ma pubblicheranno comunque un tool automatico che possa sbloccare la Switch così da aprirla a utilizzi alternativi.

Ricordiamo che è in questo modo che strumenti come Cydia sono divenuti famosi su iPhone. Si trattava di uno store parallelo dal quale scaricare e installare app che abilitavano funzionalità aggiuntive su un telefono estremamente chiuso, come widget e menu veloci. Probabilmente l’unico motivo per liberare la console dalle maglie della casa madre sarà quello di giocare a titoli ottenuti tramite piattaforme di p2p e non comprati legalmente anche se la creatività degli sviluppatori indie potrebbe andare anche oltre, magari adattando distro specifiche per il terminale giapponese, così da farlo diventare quasi un mini PC.

Leggi anche:  Tinder e Bumble sotto inchiesta per una cattiva gestione degli utenti