Con la crescita dei pagamenti il traffico annuale di SWIFT supera la soglia dei 7 miliardi di messaggi

gpi swift

La performance operativa evidenzia la capacità di SWIFT di soddisfare le esigenze del mercato

Nel 2017 il traffico FIN di SWIFT ha raggiunto il traguardo storico di 7,1 miliardi di messaggi, grazie alla crescita a doppia cifra dei pagamenti globali. Così come il traffico FIN di SWIFT è cresciuto del 9% nel corso dell’anno, anche il traffico dei pagamenti FIN è cresciuto del 12%, trainato dalla crescita in tutte le regioni e dall’adozione del servizio gpi di SWIFT.

Con una media di circa 28,14 milioni di messaggi al giorno, nel 2017 SWIFT ha raggiunto un ulteriore picco di traffico arrivando a processare 32,84 milioni di messaggi FIN il 30 novembre – con un aumento dell’8% rispetto al picco di 20,4 milioni di messaggi nel 2016. Al contempo, SWIFT garantisce quotidianamente i propri servizi, la performance operativa nel corso del 2017 ha superato gli obiettivi. SWIFT ha raggiunto il 99,999% della disponibilità sia per i servizi di messaggistica finanziari che per SWIFTNet, operando in un contesto caratterizzato da volumi in crescita, dal completamento del rinnovo della piattaforma FIN, dal lancio di nuovi prodotti e servizi e dallo sviluppo del Customer Security Programme.

“La crescita del traffico, e in particolare la crescita del traffico pagamenti, è stata estremamente positiva nel 2017, riflettendo la fiducia della comunità finanziaria e nella crescita più estesa dell’economia globale” afferma Gottfried Leibbrandt, CEO di SWIFT. “SWIFT garantisce una performance sicura e affidabile, investendo allo stesso tempo sul futuro e sviluppando servizi innovativi per aiutare la sua comunità a rafforzare la propria sicurezza con il Customer Security Programme e grazie alle proprie economie di scala può contribuire positivamente al business dei clienti”.

Leggi anche:  BNL Gruppo BNP Paribas, l’IT a geometria variabile

Si è registrato un forte incremento del traffico dei pagamenti di SWIFT in tutte le regioni sia nel segmento domestico che in quello cross-border, entrambi interessati da una crescita a doppia cifra nel corso dell’anno. Tale andamento è in parte riconducibile al servizio gpi di SWIFT, lanciato a gennaio 2017, che da solo rappresenta il 10% delle istruzioni di pagamento cross-border effettuate sulla rete. Sono già attivi 100 corridoi valutari gpi, inclusi i principali come la rotta Stati Uniti- Cina, dove i pagamenti gpi rappresentano il 25% del traffico.

“Il successo di gpi nel 2017 ha superato le aspettative” ha affermato Luc Meurant, Chief Marketing Officer. “Con più banche attive, con ulteriori banche che aderiscono al servizio e con una domanda sempre crescente da parte dei clienti corporate, i volumi hanno registrato un incremento notevole. Attraverso asset quali velocità, trasparenza e sicurezza, ci aspettiamo che gpi si affermi nel giro di due o tre anni.

SWIFT ha fatto da apripista in termini di innovazione, per offrire ai nostri clienti performance sempre migliori, e continuerà ad essere all’avanguardia con nuove soluzione tecnologiche. Il servizio gpi, insieme al nostro Financial Crime Compliance suite e al Customer Security Programme, trasformerà i pagamenti internazionali”.

Nel piano strategico quinquennale di SWIFT, SWIFT2020, la società si è impegnata in un nuovo programma strutturale di lungo termine per la riduzione dei costi di messaggistica. Nel 2017, SWIFT ha registrato notevoli progressi in tale ambito, riducendo del 12%, anno dopo anno, la media dei costi di messaggistica. Questo si è tradotto in una riduzione complessiva del 20% in appena due anni del piano quinquennale.

Leggi anche:  L’algoritmo di Apple Card sotto inchiesta per discriminazione