Siamo connessi all’IoT?

Siamo connessi all’IoT?
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Cosa significa essere connessi? Avere lo smartphone in mano? Un visore per realtà aumentata in testa? O dei sensori wireless ovunque tu vada?

Ora abbiamo diversi modi per essere collegati al mondo fisico e a quello virtuale. Ma ti sorprenderebbe sapere che le aziende odierne, che propongono tecnologie dell’Internet of Things (IoT) e quei prodotti connessi, potrebbero essere più connesse a te come consumatore? O verso l’IoT e i partner della digital supply chain che consentono loro di sviluppare e distribuire i dispositivi connessi su base mondiale?

Le aziende di oggi, indipendentemente dal settore in cui operano, avranno bisogno di maggiore interconnessione per competere. Perché? Perché le richieste di interconnessione diretta e sicura per lo scambio privato di informazioni sono aumentate esponenzialmente per tenere il passo con il tasso di crescita dei dati dovuto proprio agli “oggetti connessi”. Ogni giorno creiamo 2,5 quintilioni di byte di dati, come affermano i “10 Key Marketing Trends for 2017” di IBM. E, con i nuovi dispositivi e le nuove tecnologie connesse, la velocità con cui produciamo i dati probabilmente accelererà ancora di più nel prossimo decennio.

L’IoT sta guidando la connettività verso il confine

Grazie all’accelerazione della trasformazione digitale, i trend chiave come l’uso della tecnologia, l’urbanizzazione, la cybersecurity e l’esplosione dei dati, identificati nell’Indice di Interconnessione Globale (uno studio di mercato pubblicato da Equinix) stanno creando la necessità di un’interazione in tempo reale e spingendo i servizi digitali al confine. All’interno di tutti questi trend, la fiorente industria dell’Internet of Things (IoT) sta svolgendo un ruolo importante nell’incrementare la portata del computing al confine.

Leggi anche:  Cisco: il 5G sarà la piattaforma privilegiata per la digitalizzazione del Paese

La ricerca di Gartner realizzata a settembre 2017 dell’analista Thomas J. Bittman, “Maverick Research: The Edge Will Eat the Cloud” fornisce una prospettiva interessante su ciò che sta accadendo. Secondo Bittman, infatti:

“La crescita dell’Internet of Things e la tendenza imminente verso interfacce utente più coinvolgenti e interattive capovolgeranno il centro di gravità della produzione e del calcolo dei dati lontano dai data center centrali e fino al confine.”

Stiamo assistendo a questo fenomeno nei nostri data center globali di Equinix. Sempre più spesso, i nostri clienti stanno abbracciando l’IoT e le tecnologie digitali che richiedono maggiore connettività a persone, luoghi, cloud, dati e oggetti al confine. In questo accelerato ambiente business IoT/digitale, le aziende richiedono nuovi modelli di commercio e collaborazione per competere. Devono inoltre gestire i dati IoT, l’analisi e la sicurezza, e applicare localmente il controllo normativo. E, dato che le tecnologie e le esperienze IoT stanno ancora emergendo ed evolvendo, le aziende digitali e i loro partner della supply chain richiederanno un’infrastruttura IT interconnessa più flessibile e agile per reagire rapidamente ai cambiamenti.

Questo è uno dei tanti motivi per cui faremo il prossimo salto nell’evoluzione dei nostri data center globali e della piattaforma di interconnessione attraverso la connessione fisica diretta e virtuale dei nostri data center International Business Exchange (IBX) in tutto il mondo.

Una piattaforma globale interconnessa per il business digitale

Collegando i nostri data center IBX globali, stiamo consentendo ai nostri clienti di raggiungere ovunque, interconnettere tutti e integrare tutto. Equinix Cloud Exchange Fabric (ECX), precedentemente noto come Equinix Cloud Exchange, fornisce loro una piattaforma globale interconnessa per il business digitale. Sfrutta le funzionalità della rete software-defined (SDN), attualmente integrate nell’ECX, per consentire a qualsiasi cliente di connettere dinamicamente la propria infrastruttura in più di 190 data center IBX o di connettersi a qualsiasi altro cliente sulla piattaforma globale Equinix, indipendentemente dalla posizione. Ciò include l’accesso al nostro energico business e agli ecosistemi digitali, che includono network, cloud e content provider, e aziende nei servizi finanziari, media e intrattenimento, aziende di pubblicità online e un ecosistema IoT in crescita.

Leggi anche:  Verizon ha sperimentato il 5G durante il Super Bowl 2018

Ora i nostri clienti possono personalizzare la propria connettività con partner, clienti e fornitori attraverso un’interfaccia che offre tutti i vantaggi che le aziende si aspettano dai modelli “as-a-service”. Ciò include il provisioning in tempo reale tramite un portale o API, fatturazione di tipo “pay-as-you-go” e l’eliminazione di frizione nella creazione di connettività elastica tra le aree metropolitane. Questo è esattamente il tipo di piattaforma di interconnessione flessibile e scalabile che vediamo che l’IoT e le aziende digitali necessitano per avere successo oggi e anche nel futuro.

Adottare un primo approccio di interconnessione per l’IoT e il digitale

Per semplificare e facilitare l’espansione della presenza dei nostri clienti nell’IoT e nel digital business in tutto il mondo, la Piattaforma Equinix fornisce le soluzioni e i servizi di cui hanno bisogno per sfruttare una strategia di tipo interconnection-first che prenda le infrastrutture di business/IT centralizzate, limitate, inefficienti e suddivise in silos e le ristrutturi in una piattaforma di business digitale più distribuita, scalabile ed efficace (vedi diagramma sotto).

Questo approccio consente di raggiungere tutte le destinazioni di cui si ha bisogno on demand, accedere a tutti coloro che contano e riunire gli oggetti in modi precedentemente impossibili su un’unica piattaforma globale interconnessa. ECX Fabric su Piattaforma Equinix consente di accedere in modo più rapido ed economico al più grande ecosistema interconnesso di aziende, fornitori, cloud, reti e provider IT per ottenere i vantaggi differenziati necessari per scalare ed espandere il business digitale al confine.

I nostri clienti adottano questo approccio di interconnessione implementando una strategia IOA (Interconnection Oriented Architecture), una struttura architettonica comprovata e ripetibile per interconnettere in modo diretto e sicuro persone, luoghi, cloud, dati e cose. I nostri IOA Playbook e IOA Knowledge Base forniscono alle aziende i modelli e gli schemi di progettazione necessari per scalare reti, sicurezza, dati e applicazioni per il business digitale al confine digitale, oltre a implementare infrastrutture IoT.


  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
Categorie: Reti e TLC