Oltre un miliardo e mezzo di dati sensibili scovati in rete

La scoperta è di Digital Shadows che afferma come il 36% apparterrebbe a cittadini europei. Nel mezzo informazioni mediche, finanziare e molto altro

Un database 4 mila volte più ampio di quello dei Panama Papers. Questo hanno scovato i ragazzi dell’agenzia di sicurezza Digital Shadows, che sin dall’inizio del 2018 hanno analizzato milioni di file, riconducendoli a diverse operazioni di hacking che hanno portato oltre un miliardo e mezzo di informazioni sensibili a finire in rete, per lo più su domini liberamente accessibili da chiunque. Tra i dati più gettonati ci sono report medici, buste paga, nomi, indirizzi e numeri di carte di credito. Stando agli analisti, circa il 36% del totale interesserebbe cittadini europei. Pure noi? Assolutamente si: l’Italia è la terza più colpita in Europea, dietro a Germania e Francia e prima del Regno Unito.

[amazon_link asins=’B079V3BFSX,B079WYBGJ2,8890341912′ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’fa8bddd7-22c2-11e8-a67e-5163bed9a305′]

Cosa succede

Per la prima volta, l’archivio individuato dai Digital Shadows contiene elementi mai visti sinora in leak del genere, non con tale portata numerica. Qualche esempio? Tra i file ve ne sono molti ottenuti dai Pos collegati, che riportano dettagli sulle transazioni, date, luoghi e numeri univoci associati a ogni mezzo di pagamento. Probabilmente informazioni non direttamente sfruttabili per opere di cybercrime ma comunque indicative di come il panorama dell’Internet delle Cose vanti ancora decine di oggetti del tutto indifesi e pur connessi alla rete.

Come se non bastasse, l’agenzia ha notato un sacco di dispositivi di backup aziendali non correttamente configurati, tali da rendere visibili la maggior parte dei dati contenuti, appartenenti ad aziende, clienti e partner. Se solo fossimo già oltre il 25 maggio sarebbero guai (finanziari) per molti.

Leggi anche:  La caduta dell’Impero Galattico è stata una questione di cattiva gestione della sicurezza

[spacer color=”8BC234″ icon=”fa-info” style=”1″]

Data Manager mette a disposizione un White Paper a download gratuito sul GDPR.

Un documento completo per affrontare in maniera esaustiva tutto ciò che c’è da sapere per essere in regola

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente

[spacer color=”8BC234″ icon=”fa-info” style=”1″]