Parrot aiuta le start-up tecnologiche in Africa

Parrot aiuta le start-up tecnologiche in Africa
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Parrot riafferma il proprio impegno nel settore dell’agricoltura e annuncia la collaborazione con CTA (The Technical Centre for Agricultural and Rural Cooperation creato dall’Unione Europea) per aiutare le start-up tecnologiche a sviluppare l’agricoltura di precisione in tutto il continente africano, consentendo agli agricoltori locali di migliorare il proprio ROI nel rispetto dell’ambiente

L’agricoltura è un settore fondamentale e in rapida crescita in Africa e Parrot, gruppo europeo leader nel mercato dei droni, è in grado di offrire soluzioni commerciali sia in ambito droni sia in ambito software proprio ai professionisti di questo settore.

Parrot-AIRINOV si è unito a CTA (The Technical Centre for Agricultural and Rural Cooperation creato dall’Unione Europea) per aiutare le start-up tecnologiche a sviluppare l’agricoltura di precisione in tutto il continente africano, consentendo agli agricoltori di migliorare il proprio ROI nel rispetto dell’ambiente.

Vi è un consenso generale in merito al fatto che le aziende agricole di piccoli proprietari terrieri abbiano necessità di diventare più produttive, più sostenibili e più redditizie. I sistemi e i servizi basati sui droni possono contribuire a raggiungere questi obiettivi portando alcuni metodi dell’agricoltura di precisione ai produttori, sia che siano aziende di grandi e medie dimensioni sia che si tratti di associazioni di piccoli agricoltori che coltivano la stessa coltura in aree vicine tra loro.

Solitamente i droni sono forniti da imprenditori che investono nell’attrezzatura, acquisiscono le competenze per usarli, conducono o delegano ad aziende terze l’analisi dei dati, interpretano i risultati e forniscono consulenza ai propri clienti. I droni possono contribuire ad aumentare il ROI (Return On Investment) e a creare nuove opportunità di lavoro ad alta specializzazione nelle aree rurali offrendo ai giovani di queste zone un’alternativa concreta all’emigrazione.

Nel 2016, cogliendo le opportunità offerte dai droni, CTA ha collaborato con Parrot-AIRINOV per formare e dotare le start-up tecnologiche in Benin, Burkina Faso, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Ghana, Nigeria, Ruanda, Tanzania, Uganda, Zambia e un’istituzione governativa in Giamaica delle competenze necessarie per fornire servizi basati sui droni.

Con l’assistenza di Parrot-AIRINOV, CTA ha organizzato una serie di attività formative dedicate al funzionamento dei droni e dei sensori multispettrali focalizzandosi anche sui principi e norme di sicurezza e privacy, sulla gestione e l’elaborazione dei dati telerilevati, sullo sviluppo di piani aziendali e su opportunità di networking. Inoltre, CTA ha fornito un supporto finanziario per l’acquisizione delle attrezzature necessarie. Gli eventi di formazione si sono svolti a Parigi a marzo 2017 e a novembre 2017.

Grazie alla presenza di un operatore UAS (Charis Unmanned Aerial Services) competente e orientato al mondo dell’imprenditoria in Ruanda, a un contesto politico favorevole (forte sostegno del governo alle innovazioni digitali) e alla possibilità di potenziare il servizio di UAS in Africa orientale, CTA e Parrot-AIRINOV hanno unito le proprie risorse e hanno sostenuto un progetto volto a calibrare il modello diagnostico per la fertilizzazione dell’azoto sul grano in Ruanda.

Il 26 gennaio 2018, con l’emissione del Decision EX.CL/Dec. 986-1007 (XXXII), il Consiglio esecutivo dell’Unione Africana (AU) ha chiesto all’Unione Africana e agli Stati membri di sfruttare i droni per l’agricoltura come una tecnologia emergente di grande importanza per lo sviluppo del continente africano. In linea con questa indicazione politica su scala continentale, CTA ha deciso di sostenere un aumento del numero di operatori di droni supportati e dei paesi coperti in tutta l’Africa.

In questo contesto, CTA ha lanciato un progetto per il periodo 2018-2019 incentrato sull’Africa subsahariana, noto come “Trasforming African agriculture Eyes in the Sky, Smart Techs on the Ground”. Parrot ha collaborato al progetto offrendo agli operatori di droni supportati da CTA l’opportunità di acquistare attrezzature (Parrot Disco-Pro Ag o Parrot Bluegrass) a tariffe agevolate.

Nell’arco di due anni, il progetto “Eyes in the Sky”, è destinato a creare circa 30 fornitori africani di servizi di droni sostenibili e orientati al business, la maggior parte gestiti da giovani imprenditori africani dove è in vigore una legislazione che ne consente l’uso. Le imprese offriranno una gamma di servizi basati sui droni tra cui la consulenza in tempo reale agli agricoltori.


  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares
Categorie: Mondo Start Up