Giuffrè Editore e Memento Francis Lefebvre si uniscono in Giuffrè Francis Lefebvre

Giuffrè Francis Lefebvre fonde la storica leadership di Giuffrè Editore nell’editoria giuridica e la consolidata presenza e penetrazione di Memento e dei suoi prodotti nell’area fiscale

Perfezionata la fusione per incorporazione di Memento Francis Lefebvre in Giuffrè Editore, che cambia la sua ragione sociale in Giuffrè Francis Lefebvre. L’operazione straordinaria coinvolge anche le due società controllate al 100% da Giuffrè Editore, Infogiuridica e Giuffrè Informatica, ed ha effetto retroattivo al 1° gennaio 2018.

Giuffrè Francis Lefebvre può contare su un fatturato a livello aggregato di circa 60 di Euro nel 2017 e occupa 220 dipendenti che lavorano nelle sedi di Milano, Roma e Macerata.

La fusione tra Memento e Giuffrè è la diretta conseguenza dell’ingresso, nel novembre 2017, di Giuffrè Editore nel Gruppo Editions Lefebvre Sarrut (ELS), multinazionale leader a livello europeo nell’editoria professionale legale e fiscale.

Sempre a novembre 2017 nasceva Memento Francis Lefebvre a seguito dello scioglimento della joint venture che ELS aveva costituito con IPSOA nel 1991 per sviluppare anche in Italia il proprio approccio esclusivo all’aggiornamento professionale degli esperti fiscali e tributari “Memento Pratico”.

Giuffrè Francis Lefebvre fonde la storica leadership di Giuffrè Editore nell’editoria giuridica con la consolidata presenza e penetrazione di Memento e dei suoi prodotti nell’area fiscale.

A seguito della fusione, Giuffrè Francis Lefebvre è organizzata in due divisioni operative. Il nuovo assetto rispecchia l’organigramma del Gruppo ELS di cui fa parte:

  • Editoria che, grazie a un modello di business innovativo, integra una solida produzione cartacea annua – che ricomprende l’offerta Memento ed è improntata a format innovativi e con firme autorevoli  –  con sistemi informativi e strumenti digitali di ultima generazione dedicati a professionisti legali, fiscali e consulenti del lavoro (portali tematici e banche dati –  tra le quali DeJure la più utilizzata negli studi legali –  software gestionali, per il deposito telematico e per gli adempimenti comunitari come la privacy e la fatturazione elettronica)
  • Formazione che realizza corsi in aula e online accreditati dal Consiglio Nazionale Forense e dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti.
Leggi anche:  Eaton Italia sceglie una donna come Country Marketing Manager: Francesca Capaldi

Il Piano Industriale di crescita e sviluppo punta sulle sinergie tra Giuffrè Editore e Memento per sviluppare una nuova offerta integrata sempre più in linea con le esigenze dei professionisti ed affiancarli in ogni fase della loro attività quotidiana.

Sono previsti significativi investimenti garantiti dall’appartenenza a una grande Gruppo europeo che ogni  anno investe in R&S il 10% del suo fatturato (circa 550 milioni di euro nel 2017).

Obiettivo del Piano è consolidare la leadership nei mercati storici – legale, fiscale e dei consulenti del lavoro sviluppare l’offerta dedicata ai notai e ai magistrati ed entrare anche nel mercato delle imprese, con soluzioni dedicate in prima battuta ai manager delle aree Risorse Umane, Amministrazione e Finanza, un segmento in cui ELS ha già una presenza consolidata e strategica in Europa.

“Questa fusione nasce dalla volontà di affiancare in maniera sempre più puntuale ed efficiente i professionisti in ogni fase del loro lavoro. Proseguiamo sulla strada dell’innovazione digitale e svilupperemo ulteriormente l’offerta con nuovi servizi e soluzioni integrate valorizzando i punti di forza e gli elementi che distinguono, in ambiti complementari, le eccellenze di Giuffrè e Memento. L’obiettivo è di consolidare ulteriormente la leadership in Italia nel mercato legale, fiscale e di entrare nel mercato delle aziende. Stiamo lavorando per offrire ad avvocati, commercialisti e consulenti del lavoro, ma anche a Direttori Finanziari e Responsabili delle Risorse Umane interni alle imprese, contenuti e strumenti di lavoro digitali di altissima qualità, continuamente aggiornati, che garantiscano un’estrema semplicità e velocità di consultazione”, ha commentato Giuseppe De Gregori, dal marzo del 2018 alla guida di Giuffrè Editore con la carica di Direttore Generale.