Microsoft lavora a una console basata sullo streaming

microsoft xbox

Microsoft starebbe lavorando a una console chiamata Scarlett Cloud basata sui videogiochi distribuiti in streaming e dal costo ridotto

Da mesi si parla della nuova console su cui Microsoft starebbe lavorando. Il dispositivo è conosciuto con il nome in codice di Scarlett ed è stato confermato dallo stesso numero uno della divisione Xbox, Phil Spencer. Pare però che l’azienda di Redmond non stia progettando una sola piattaforma hardware ma ben due. Secondo l’esperto Brad Sams, la multinazionale statunitense si prepara al lancio di una console economica incentrata sullo streaming di videogame il cui nome provvisorio è “Scarlett Cloud”. Microsoft, che a breve svelerà nuovi accessori e prodotti connessi ad Xbox, punta quindi a conquistare due mercati in contemporanea: quello dei gamer tradizionali e quello di coloro che rifuggono dai supporti fisici. Sarebbe proprio la diffusione dello streaming a portare alla scomparsa delle console come le conosciamo oggi. Microsoft crede molto in questo settore e infatti ha creato una divisione apposita per il cloud gaming.

Scarlett Cloud avrà prestazioni inferiori alla sua “sorella maggiore” e un prezzo contenuto. I suoi possessori potranno comunque accedere a tutti i servizi online di Microsoft tramite abbonamento. Stando ai rumors, il pacchetto di videogiochi disponibili nel cloud potrebbe costare tra 99 e 125 dollari e ci sono conferme che i titoli per la console low cost potranno essere utilizzati anche su quella tradizionale. Scarlett invece dovrebbe avere caratteristiche tecniche superiori e forse anche il supporto per la realtà virtuale, che non arriverà su Xbox One X nemmeno nel prossimo futuro. Entrambi i dispositivi potrebbero essere lanciati contemporaneamente nel 2020.

[amazon_link asins=’B01M2YUP0S,B07252FGBF,B01L7PQBL8,B0721N1HQC’ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’977091e2-8f51-11e8-aa6f-f3b9b0e1d46d’]

Leggi anche:  Il MacBook da 16 pollici è sempre più vicino