Facebook annuncia Watch anche in Italia

La piattaforma di video streaming è pronta a sbarcare nel nostro paese con serie televisive e contenuti in esclusiva

Prima o poi la televisione tradizionale così come la conosciamo, non esisterà più. La colpa sarà di quelle aziende che già oggi mettono in crisi il sistema di fruizione classico, trasmettendo contenuti in esclusiva e disponibili on demand quando si vuole. Un esempio è Netflix ma anche Amazon Prime e, più di recente, Dazn, che ha acquisito un buon pacchetto di partite della Serie A e di tutta la Serie B, tramite il concetto tanto amato dagli utenti moderni dell’assenza di un canone dalla lunga durata.

Facebook da sempre segue con interesse il business dello streaming, anche perché sono i video i contenuti più cliccati e condivisi sul social, a dimostrazione di quanto convenga lavorare per integrare al meglio i filmati nelle dinamiche di navigazione. Nasce, più o meno un anno fa, con tale obiettivo Facebook Watch.

Di cosa si tratta

Facebook Watch è un nuovo menu del social network all’interno del quale trovano spazio serie tv e contenuti popolari e in esclusiva, proposti al pubblico di Zuckerberg in modalità gratuita e, se il fiuto non ci inganna, pure a pagamento. La notizia è che Watch sta per sbarcare in Italia con tempi e modi ad oggi sconosciuti ma con la certezza che il nostro mercato sarà tra quelli raggiunti dall’innovativo servizio online al di fuori dei test negli USA.

Impossibile dire cosa vedremo ma diverse aziende hanno già dimostrato che lo streaming ha il potenziale di rivoluzionare la fruizione di molte categorie, tra tutte lo sport. Nel Regno Unito, ad esempio, c’è chi ha stretto accordi con il gigante per trasmettere in diretta match e partite di discipline differenti, anche la Serie A, senza dover sborsare un solo euro. Pensare che un simile approccio possa essere calato nelle varie realtà nazionali è più che probabile e la sensazione che accadrà presto più vicina di quanto sembri.

Leggi anche:  Apple prepara il lancio del suo "Netflix delle riviste"