L’ultimo report di Kaspersky Lab dedicato al Parental Control svela le abitudini e i gusti dei più piccoli

Smartphone: il passatempo preferito dai bambini
Per un bambino lo schermo di uno smartphone risulta più interessante di videogiochi, TV e dolci

L’ultimo report di Kaspersky Lab, basato sulle statistiche rilevate dai moduli con funzionalità di protezione dei minori – Parental Control – dei propri prodotti, svela quali sono state le attività online preferite dai bambini di tutto il mondo durante le vacanze estive

L’ultimo report di Kaspersky Lab, basato sulle statistiche rilevate dai moduli con funzionalità di protezione dei minori – Parental Control – dei propri prodotti, svela quali sono state le attività online preferite dai bambini di tutto il mondo durante le vacanze estive. La ricerca mette in luce tutto quello che i bambini hanno guardato, ascoltato, acquistato e cercato online quando non si trovavano a scuola.

Il report di Kaspersky Lab mostra dati anonimi sui siti web visitati attraverso PC Windows e Mac e sulle attività di ricerca svolte su PC Windows, Mac, dispositivi Android e iOS in un periodo che va da giugno a metà agosto 2018. Queste statistiche sono state registrate dalle soluzioni più note di Kaspersky Lab con il modulo Parental Control acceso e grazie a Kaspersky Safe Kids, un servizio stand-alone installato per la protezione dei bambini online.

Durante l’estate appena trascorsa e secondo i dati rilevati dall’azienda, i più piccoli online hanno preferito guardare contenuti video e ascoltare musica piuttosto che passare il proprio tempo sui social media. La ricerca, infatti, ha rivelato che i bambini trascorrono molto più tempo su Youtube. Sul fronte TV, i più grandi hanno seguito numerose serie su Netflix, mentre i più piccoli hanno preferito guardare contenuti su canali come Nickelodeon, Cartoon Network e il canale Disney.

Tra i servizi streaming più utilizzati dai bambini per ascoltare la musica, troviamo Spotify, Soundcloud e iTunes: i tre canali rivelano come il rap sia il genere più popolare tra i più giovani. Il noto rapper XXXTentacion, per esempio, è stato ucciso nel corso di una sparatoria durante l’estate; questo fatto ha portato ad una grande ricerca di informazioni sulla sua morte. In seguito al tragico avvenimento, c’è stato un picco di ascolti della sua musica online, soprattutto da parte dei più giovani che hanno ascoltato lui più che qualunque altro artista.

Leggi anche:  I dispositivi IoT sono il principale target degli hacker

Un altro dato rilevante emerso dalle statistiche è quello che riguarda i bambini e le visite dei siti di notizie, sempre più frequenti. I più giovani, inoltre, hanno speso molto tempo nel cercare gli ultimi aggiornamenti e i punteggi della FIFA World Cup 2018. Tra le attività che sono emerse come le più rilevanti, troviamo anche i giochi online. I bambini di tutto il mondo hanno mostrato una preferenza spiccata per Fortnite, che ha superato PUBG (PlayerUnknown’s Battlegrounds), facendolo diventare il gioco online più popolare dell’estate.

Nel corso dei mesi estivi, inoltre, i più piccoli si sono mostrati particolarmente interessati all’abbigliamento e ai dispositivi mobile: per quanto riguarda gli store online, i più giovani hanno visitato i canali di eBay, Amazon, Aliexpress, ASOS e H&M. I marchi più popolari tra le loro ricerche sono stati Nike, Adidas, Supreme, Gucci e Vans. Tra tutti i dispositivi mobile, i giovanissimi hanno cercato soprattutto prodotti come iPhone e Samsung Galaxy.

Oltre a giochi, video e musica, i più piccoli, spesso, hanno cercato siti web con contenuti per adulti. In caso di presenza di soluzioni per il blocco di questo tipo di siti (come avviene grazie ad alcuni prodotti Kaspersky Lab), i loro tentativi non hanno avuto successo.

I dati raccolti in questo report mostrano alcune preoccupazioni per la privacy online anche da parte dei più giovani. A dimostrarlo, le informazioni cercate su un motore di ricerca come DuckDuckgo e sulle VPN. Questa è la prima volta in assoluto che Kaspersky Lab ha registrato tra i giovanissimi un aumento di interesse su questo tipo di argomenti.

“Le statistiche che abbiamo rilevato mostrano un panorama degli interessi dei bambini e degli adolescenti di oggi in tutto il mondo. Questo è il motivo per cui consigliamo di utilizzare prodotti con funzionalità di Parental Control attive, non solo per bloccare contenuti potenzialmente pericolosi, ma anche per aiutare i genitori a rimanere informati sugli interessi e le passioni dei propri figli. Molti programmi software, compresi quelli di Kaspersky Lab, consentono ai genitori di visionare alcuni report sulle attività online dei propri figli. Naturalmente, report come questi non rivelano alcuna informazione privata. Rendere i genitori partecipi di ciò che i loro figli fanno online è per noi un’azione che ha l’obiettivo di creare relazioni familiari migliori, incoraggiando un dialogo aperto e prevenendo minacce, come il sexting e il bullismo, che possono rivelarsi molto più gravi per i più piccoli”, ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab.

Leggi anche:  Trattamento dei dati in azienda, tolleranza zero

Soluzioni consumer come Kaspersky Total Security e Kaspersky Internet Security includono moduli per il Parental Control per aiutare gli adulti a proteggere i propri figli dalle minacce online e bloccare siti o app con contenuti inappropriati. La soluzione Kaspersky Safe Kids, inoltre, permette ai genitori di monitorare ciò che i più piccoli fanno, guardano o cercano online su tutti i dispositivi connessi, inclusi quelli mobile, offrendo anche consigli utili su come aiutare i bambini a muoversi online, restando protetti.