Skype su Windows 10 apre allo scambio di valuta digitale

Skype su Windows 10 apre allo scambio di valuta digitale
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Microsoft sta testando la funzione di trasferimento denaro basata su PayPal. Il lancio avverrà a breve, con la versione finale dell’app

Microsoft, nella sua più recente versione Windows Insider, sta testando l’invio di soldi tramite Skype. La funzione non è del tutto nuova per un paio di motivi. Il primo: gli utenti su iOS e Android hanno già potuto sperimentare qualcosa di simile, che prima o poi sarebbe giunta anche sulla declinazione desktop del client. Secondo: il suddetto trasferimento di fondi non prevede nessuna piattaforma di nuova generazione o proprietaria ma semplicemente un’apertura verso le attività già in essere via PayPal.

In poche parole, ciò che presto permetterà Skype su Windows 10, sarà l’invio denaro tramite il servizio tramite PayPal, tramite un’integrazione nelle finestre di chat tale da velocizzare il processo con i contatti in rubrica. L’opzione verrà individuata tramite un’icona specifica, a forma di dollaro, in un’area del box di scrittura.

Come funziona

C’è da dire che oltre all’invio delle somme, un utente potrà anche richiederne agli amici, inserendo valuta e quantità, in modo da rendere ancora più semplice l’operazione. Anzi, teoricamente un iscritto ha facoltà di convertire i suoi euro in dollari, per sapere a quanto ammonta una certa cifra, prima di inviarla online. Il servizio è limitato ai paesi supportati da Skype Money, che per ora sono già abbastanza: Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Canada e molti altri dove è in vigore l’euro, Italia compresa. I trasferimenti non comportano costi di scambio, dunque Microsoft non otterrà niente dall’utilizzo della piattaforma, a differenza di PayPal che, come sappiamo, trattiene le spese di cambio in caso di conversione.


  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
Leggi anche:  CRIF si colloca al 35° posto nel ranking IDC FinTech del 2018
Categorie: E-Finance
Tags: fact, hoot, Microsoft