La Corea del Sud testerà un sistema di voto basato sulla blockchain

La Corea del Sud testerà un sistema di voto basato sulla blockchain

Dopo il Giappone, anche un altro paese orientale proverà a migrare i processi elettivi su una piattaforma sicura di blockchain

Usare la blockchain per rendere più sicuro il voto è un trend che si affermerà a livello globale a breve. Se l’Europa è ancora abbastanza indietro per processi del genere, altrove vi sono nazioni già pronte a difendere la democrazia delle scelte dei cittadini. Prima il Giappone, con un trial per un referendum locale e ora la Corea del Sud, dove la commissione elettorale nazionale (NEC) e il ministero della Scienza e dell’ICT hanno confermato di star sviluppando un sistema basato su blockchain. In realtà, non si tratta di una vera e propria novità, visto che proprio il NEC, nel lontano 2013, aveva dato vita a K-voting, una sorta di procedimento di voto digitale fondato su una piattaforma controllata e, teoricamente, sicura.

Trend in crescita

Sicuramente il boom delle criptovalute e delle soluzioni ad esse connesse, che promettono di implementare le procedure di controllo, ha posto in maggior risalto la possibilità di migrare il voto sulla blockchain, eliminando per sempre il rischio di violazioni esterne. Il governo sudcoreano ha deciso di abbracciare la tecnologia che, nella loro ottica, aumenterà la trasparenza e la sicurezza, soprattutto nei confronti del sistema digitale.

Il progetto è stato programmato per essere avviato a dicembre e sarà inizialmente utilizzato per raccogliere le risposte per sondaggi condotti dalla Blockchain Society della Seoul National University e dalla Korea Internet and Security Agency. Ci vorrà un po’ prima che il sistema venga adottato per elezioni più ampie e ufficiali ma il NEC prenderà una decisione in seguito ai risultati dell’esperimento. Come anticipato, la Corea del Sud non è la prima a sfruttare metodologie del genere ma l’ampiezza e la portata degli interessati può di certo dare uno slancio ad altre iniziative simili in giro per il mondo.

Leggi anche:  FireEye presenta Digital Threat Monitoring