Apple prepara il lancio del suo “Netflix delle riviste”

Apple servizio di news

Apple potrebbe lanciare in primavera un servizio per accedere su abbonamento a quotidiani e riviste. I grandi editori però non sembrano molto interessati

Qualche mese fa è trapelata la notizia che Apple potesse lanciare un servizio che permetterebbe di accedere a riviste e quotidiani in formato digitale a fronte di un abbonamento mensile. Si tratterebbe di qualcosa di molto simile a Netflix ma con i contenuti editoriali al posto di film e serie TV. Stando alle informazioni raccolte da Bloomberg, la piattaforma sarà pronta al lancio questa primavera e si tratterà fondamentalmente di un aggiornamento di Texture, azienda acquisita dalla Mela all’inizio dell’anno. Inoltre, potrebbe essere integrata all’interno di Apple News.

Il colosso di Cupertino per questo progetto pare abbia già cercato partner tra i più importanti editori statunitensi che già forniscono i propri articoli e contenti multimediali in modalità premium o tramite paywall come il New York Times e il Wall Street Journal. Si vocifera anche che Apple non proporrà una semplice riedizione in formato digitale di notizie pubblicate sul cartaceo ma di una offerta strutturata grazie alle tecnologie più moderne a disposizione online. Gli editori contattati dalla Mela non sarebbero però molto entusiasti dell’offerta per una questione di costi. La multinazionale da mille miliardi di dollari avrebbe intenzione di mantenere lo stessa spesa per l’abbonamento di Texture (10 dollari al mese), che è nettamente inferiore a quella prevista dai grandi quotidiani. In generale i colossi dell’informazione non vedono in questo servizio un affare remunerativo in quanto dovranno anche corrispondere una percentuale ad Apple. Quest’ultima dal canto suo cerca di convincerli puntando sul suo bacino di utenti. Apple Music, ad esempio, nell’arco di pochi anni ha già 60 milioni di utenti paganti e insidia il primo posto di Spotify nel settore della musica online.

Leggi anche:  Amazon contribuisce ai 575 milioni di dollari raccolti da Deliveroo