Microsoft per la trasformazione digitale di Fondazione Banco Alimentare

Microsoft per la trasformazione digitale di Fondazione Banco Alimentare

La Onlus milanese si aggiunge alle 4.440 NGO italiane sostenute dall’azienda per un investimento di oltre 38 milioni in 7 anni

Fondazione Banco Alimentare, organizzazione milanese non profit che opera dal 1989 su tutto il territorio nazionale, tramite una rete di 21 organizzazioni regionali, nel recupero e distribuzione di eccedenze alimentari, ha intrapreso un progetto di trasformazione digitale basato sulla piattaforma di produttività cloud Microsoft Office 365, per agevolare le comunicazioni tra dipendenti, volontari e collaboratori, offrendo loro strumenti avanzati per la condivisione di contenuti ed esperienze di collaborazione efficaci, in linea con gli scenari professionali moderni.

La collaborazione fa parte di un progetto più ampio che vede Microsoft aiutare le NGO ad avere un impatto sempre maggiore sulla società, attraverso la donazione di soluzioni per il cloud computing. Microsoft in Italia ha supportato infatti oltre 4.440 NGO per un investimento complessivo dall’avvio dell’iniziativa nel 2011 pari a oltre 38 milioni di euro, con l’obiettivo di accompagnarle nel loro processo di trasformazione digitale, accelerandone quindi l’innovazione, incrementandone l’efficienza e la produttività.

La Rete Banco Alimentare, che conta 21 sedi e oltre 30 magazzini  in tutta Italia, quasi  2.000 tra dipendenti e volontari e una collaborazione attiva con oltre 8.000 realtà non profit per la distribuzione di cibo, aveva la necessità di ripensare agli strumenti per la comunicazione interna ed esterna affinchè tutti avessero a disposizione una piattaforma comune e ben strutturata per facilitare il dialogo, la creazione e condivisione di materiali, nell’ottica di rendere i processi più flessibili, semplici ed efficienti.

L’organizzazione che, seppur non profit,  ha in tutto e per tutto le dimensioni di una grande azienda, ha quindi scelto di puntare sul Cloud Computing e di migrare sulla piattaforma di produttività Office 365. Grazie agli strumenti di condivisione avanzati come Microsoft Outlook e Skype for Business , è stato possibile migliorare i flussi di comunicazione tra tutti gli attori che operano all’interno della Rete Banco Alimentare e con gli interlocutori esterni, quali aziende donatrici di cibo, partner e sostenitrici. Grazie a questo passaggio è stato possibile fare un passo in avanti e di qualità per tutti i soggetti, dipendenti e volontari che  lavorano per distribuire ogni giorno cibo a oltre 1,5 milioni di persone bisognose in tutta Italia, in una logica di efficientamento dei processi. Così il “recupero e il non spreco di alimenti” (mission di Banco Alimentare) ha trovato un alleato strategico nel miglioramento dei processi di comunicazione e nel risparmio di tempo grazie a processi più efficaci e rapidi.

Leggi anche:  Lenovo Data Center Group presenta nuove soluzioni Edge Computing

L’adozione di tool quali Sharepoint e Onedrive, inoltre, ha consentito di mettere a disposizione spazi condivisi per archiviare i propri file, eliminando quindi la necessità di dover utilizzare chiavette con il conseguente rischio di criticità in termini di sicurezza e semplificando il reperimento delle informazioni e la condivisione di documenti da parte di più soggetti.

Attualmente sono oltre 80.000 i messaggi scambiati in media in un mese all’interno e all’esterno dell’organizzazione, grazie a un accesso alla piattaforma da qualunque dispositivo, 25 Sharepoint attivi e 10 TB la quantità di materiale condiviso su OneDrive.

“La trasformazione digitale è diventata ormai un fattore imprescindibile per poter affrontare con successo le sfide del momento, soprattutto per le organizzazioni del Terzo Settore, che si avvalgono spesso del prezioso contributo di volontari. Diventa quindi strategico mettere a loro disposizione tutti gli strumenti più avanzati affinchè possano ottimizzare al meglio il proprio tempo e dedicarlo a progetti a valore, consentendo loro di aiutare un numero sempre maggiore di persone. In Microsoft Italia ci stiamo impegnando affinchè sempre più NGO possano avere accesso gratuito alla nostra tecnologia così da realizzare appieno il proprio potenziale” – ha commentato Barbara Cominelli, Marketing & Operations Lead di Microsoft Italia.

“Per Banco Alimentare, l’avvicinarsi del Trentesimo anno di attività e di un percorso di crescente responsabilità sociali, si impone la necessità di mantenere un assetto organizzativo e di processi di comunicazione interni ed esterni all’avanguardia. Per questo Banco Alimentare è grato a partner di riconosciuto valore come Microsoft Italia e Techsoup che dedicano la loro professionalità a collaborare per soluzioni di successo, soprattutto considerando le specificità delle attività della Fondazione e della sua Rete e la grande necessità di informazioni e di collegamenti operativi nella lotta allo spreco e alla povertà alimentare” – ha commentato Andrea Giussani, Presidente Fondazione Banco Alimentare ONLUS.

Leggi anche:  Liferay Commerce 1.1 per creare user experience B2B personalizzate