Nei piani di Amazon una piattaforma di gaming

amazon Game

Diversi report annunciano la prossima uscita di un servizio del gigante in ambito videogame, da pubblicare entro il 2020

Arriverà nel 2020 Amazon Game, la piattaforma per i videogiochi pensata dal gigante dell’e-commerce? Probabilmente si, come riportano varie indiscrezioni diffuse nelle ultime ore. A quanto pare, Amazon starebbe lavorando proprio a un servizio pensato per gli appassionati di gaming, fondato sullo streaming, una delle tendenze che si affermeranno, secondo gli esperti, nel corso dei prossimi anni. Non a caso, Microsoft ha in cantiere qualcosa del genere a marchio Xbox, una sorta di console virtuale, ospitata sul cloud, sempre disponibile e a cui accedere tramite un canone in abbonamento.

Ma non solo, sono tante le compagnie sulla stessa falsariga: Sony, Google e Nvidia a cui potrebbe aggiungersi Amazon che già può contare su un parco di offerta decisamente interessante. D’altra parte, un progetto del genere si andrebbe a inserire perfettamente in certo hardware del gruppo, come le Fire TV, oltre ad app specifiche per smartphone e tablet.

Cosa sappiamo

È difficile andare oltre queste indiscrezioni visto che le stesse strategie di Amazon in ambito videogame non sono chiare. Qualche anno fa aveva lanciato l’app Underground, con cui rendeva disponibili centinaia di titoli Android, normalmente a pagamento, in modalità gratuita. Qualche mese fa l’abbandono ufficiale al progetto e la cancellazione del software. Inoltre è recente la notizia della dismissione di Breakaway, una sorta di mondo tridimensionale che mischiava virtuale e simulazione, creato assieme all’acquisita Double Helix.

Tutte dimostrazioni però di quanto il gruppo ci tenga a posizionare nel panorama del gaming, da qui al futuro futuro. Sebbene non sia abbia l’ufficialità di nulla, The Verge ha notato una serie di post che corroborano le voci, inclusa una ricerca di lavoro per un Cross Platform Game Engineer e due che menzionano specificamente i giochi cloud.

Leggi anche:  Uber testa un modo per ridurre le tariffe di viaggio