Q System One è il primo computer quantico venduto al pubblico

Q System One è il primo computer quantico venduto al pubblico

IBM ha finalizzato il suo sistema casalingo a 20 qubit, pensato per un utilizzo commerciale e scientifico. L’annuncio al CES 2019

IBM ha annunciato la prossima disponibilità di Q System One, il primo sistema di calcolo quantistico progettato per un utilizzo commerciale. La compagnia è stata per molto tempo leader nel campo dell’informatica quantistica: nel 2017 ha mostrato un prototipo del processore da 17-qubit, che costituiva il nucleo dei primi sistemi IBM Q, pensati proprio per una finalità verso ambiti professionali e di ricerca esterni all’azienda.

Ed ora è giunto il momento per estendere funzionalmente il computer quantico presso terze parti. La novità è stata resa nota al CES 2019 in corso a Las Vegas, dove IBM ha definito Q System One una pietra miliare per la tecnologia del futuro. Il sistema comprende un cervello da 20 qubit di quarta generazione e vanta un design modulare e compatto. In pratica, i superconduttori universali sono maturi per operare oltre i confini dei laboratori.

Cosa sappiamo

Secondo quanto riferito da IBM, Q System One vanta una serie di componenti che danno vita al “più avanzato” programma di calcolo quantistico basato su cloud, tra cui: hardware stabile e auto-calibrato per qubit ripetibili e prevedibili di alta qualità; ingegneria criogenica che fornisce un ambiente quantico continuo freddo e isolato; elettronica di alta precisione in forma compatta per controllare strettamente un numero elevato di qubit; firmware quantistico per gestire lo stato del sistema e abilitare gli aggiornamenti senza tempi di inattività per gli utenti; computazione classica per un accesso sicuro al cloud e un’esecuzione ibrida di algoritmi quantistici.

IBM dovrà comunicare tempi e metodologie di approvvigionamento del sistema e probabilmente lo farà nelle prossime settimane, dopo il clamore suscitato dall’annuncio al CES di Las Vegas.

Leggi anche:  Experience e usabilità, l’interfaccia della smart city