Collegare imprese consolidate ed esperienze, iniziative, startup innovative

Simbiosity risponde alle nuove esigenze di trasformazione del mondo corporate

Simbiosity, con i team di startup italiane, risponde alle nuove esigenze di trasformazione del mondo corporate

Da un lato c’è la necessità delle grandi aziende di non perdere contatto e tenere il passo della trasformazione in atto, mentre dall’altra parte il know how delle startup innovative italiane assume dimensioni di assoluto rilievo e con esse cresce purtroppo la dispersione di innovazione potenzialmente preziosa per l’economia del Paese.

Obiettivo di Simbiosity è connettere questi due universi, con la consapevolezza che “la differenza è nelle persone, non nelle tecnologie”.

I primi passi di Simbiosity

Simbiosity è un’azienda italiana, fondata a fine febbraio 2016 da Renzo Noceti (già riconosciuto protagonista dell’executive search in Italia), Marco De Palma (imprenditore con una forte conoscenza del mondo dell’innovazione, già fondatore e direttore di Withfounders) e Filippo Zanetti (con un’esperienza in ambito supply chain di oltre 26 anni in aziende multinazionali e da oltre 5 anni attivo business angel e mentor dei principali acceleratori italiani).

La società, composta ormai da venti professionisti, incrocia le capacità di investimento e la crescente apertura delle realtà corporate a pratiche di innovazione agile, aperta, distribuita, con le migliori esperienze delle startup/scaleup, offrendo alle prime il potenziale innovativo delle seconde e dando la possibilità a queste ultime di avere uno sbocco o accelerazione sul mercato.

Così facendo viene attivato il processo di osmosi tra due parti del mondo del lavoro che non si conoscono ancora del tutto, trasformando lo scarto culturale, comunicativo e generazionale in valore per ambo le parti.

Simbiosity srl, che ha sviluppato oltre 100 progetti lo scorso anno, è una realtà che si concentra sull’open innovation in diversi settori e sulle tecnologie che stanno realmente veicolando il cambiamento (IA, blockchain, IoT, ….).

Leggi anche:  MAXIDATA a Vinitaly 2019 fianco a fianco con Zucchetti

In Simbiosity si produce contaminazione di innovazione, si ibridano esperienze, tra cui HR e Finance, con skills caratteristiche della consulenza, dell’imprenditorialità, sempre fortemente startup caring.

La creazione di una tecnologia proprietaria, l’Innovation Tracking System

“Da un lato, in Italia, le imprese di ogni dimensione necessitano assolutamente e urgentemente di innovazione; dall’altro lato, la maggior parte delle startup, che potrebbe dare contributi fondamentali, non riesce a decollare, causando una dispersione di ‘know how’ semplicemente non sostenibile, insopportabile per un’economia come la nostra.

Quando abbiamo avviato Simbiosity, abbiamo assunto il compito di fare da ponte tra queste due realtà” spiega Renzo Noceti.

Per affrontare questo duplice problema, l’azienda ha sviluppato un originale sistema di monitoraggio dell’innovazione, ITS – Innovation Tracking System: una tecnologia che aggrega i dati esistenti di circa 20.000 realtà innovative italiane e li rielabora attraverso un algoritmo di intelligenza artificiale, catalogandole secondo 25 criteri diversi, ulteriormente aggregabili.

Grazie a questa tecnologia, Simbiosity dispone della capacità di individuare e selezionare le migliori startup per rispondere all’esigenza di un’impresa.

Ad ogni impresa la propria innovazione

L’approccio seguito da Simbiosity è “top down”.

Una volta individuato il problema e le necessità dell’azienda cliente, Simbiosity individua, seleziona e fa incontrare l’impresa con le iniziative innovative migliori (comunemente identificate in ‘startup’) per le specifiche esigenze.

L’azienda può quindi valutare e comparare diversi team innovativi “candidati” e decidere con quali avviare una collaborazione.

“Non sempre un’azienda ha esigenza di collaborare con la startup più brillante nel settore…

La questione, in realtà, è più profonda: si tratta di trovare la giusta relazione tra componenti dei team, di selezionare le risorse più coerenti e adatte a un determinato ruolo, attribuendo il giusto valore alle soft skills.

Leggi anche:  Saipem sceglie DXC per digitalizzare i suoi servizi user-centric

Siamo consapevoli che la differenza è fatta dalle persone, non solo, non sempre dalla tecnologia. Forti di questa consapevolezza accompagniamo le aziende nella selezione delle migliori esperienze, soluzioni e risorse innovative”, afferma Marco De Palma.