La GCHQ pubblica i simulatori di Enigma, Bombe e Typex

La GCHQ pubblica i simulatori di Enigma, Bombe e Typex

L’agenzia di sicurezza del Regno Unito ha condiviso su GitHub i file sorgenti per i simulatori delle tre macchine di cifratura

Sempre più social, sempre più trasparente. Dopo l’esplosione del Datagate, sembra che la GCHQ abbia deciso di mostrare in maniera migliore il proprio arsenale di monitoraggio comunicativo a difesa della sicurezza della Gran Bretagna e territori controllati. Ecco allora che l’agenzia di sicurezza ha deciso di pubblicare online, tra le pagine di GitHub, i file sorgenti di tre dei più importanti dispositivi di cifratura della storia, Enigma, Bombe e Typex. Sviluppate utilizzando l’app CyberChef proprietarie, i tre emulatori sono disponibili per il download e una sperimentazione di massa, giusto per capire cosa voglia dire avere tra le mani un software di gestione di cifratura avanzata. La storia di Enigma è per molti versi la storia della seconda guerra mondiale. Il lavoro di Alan Turing e del suo team al Bletchley Park ha permesso la nascita di Enigma, un tool che le forze dell’Asse hanno usato per porre a proprio favore le sorti del conflitto nella prima metà del ‘900.

Protezione digitale

Enigma era stato tradotto in una prima battuta dai polacchi ma, sotto l’occupazione nazista, lo strumento di cifratura che era riuscito a crackare la macchina, chiamato Bombe, cadde in disuso. Dal canto suo, Typex era una sorta di “Enigma britannico”, che utilizzava lo stesso sistema cifrato, consentendo di decodificare i messaggi in tempo quasi reale. Le tre macchine virtuali sono completamente documentate e includono alcuni esercizi per testare le capacità individuali degli smanettoni. Anche se a prima vista sembrano software giocattolo, piccoli e datati, in realtà la loro natura open source li rende un ottimo modo per comprendere sia la codifica che la crittografia in un ambiente dinamico. Ovviamente si tratta di pura emulazione: le originali Enigma sono rare e oggetto di aste fantascientifiche in tutto il mondo. Una recente, per un modello del 1934, è stata battuta per prezzo tra i 180 mila e i 200 mila dollari.

Leggi anche:  La prossima PlayStation avrà il touchscreen