BlackBerry Messenger chiude a fine maggio

BlackBerry Messenger chiude a fine maggio

Dopo anni di declino e utilizzo solo da una ristretta cerchia di utenti, BBM si avvia verso la strada del tramonto

Ha dominato le conversazioni di messaggistica istantanea in tutto il mondo ma ora BlackBerry Messenger, meglio conosciuto come BBM, sta per arrivare alla fine del suo ciclo di vita. Le operazioni di supporto chiuderanno definitivamente il 31 maggio, quando migliaia (sul serio?) di persone dovranno abbandonare il client che per lungo tempo ha fatto da sfondo ai propri messaggi, personali o di business che fossero.

“Nonostante una tecnologia fluida, gli utenti sono passati velocemente ad altre piattaforma – ha spiegato BlackBerry in una nota – e visto che ottenere nuove iscrizioni è praticamente impossibili, siamo arrivati alla conclusione di chiudere BBM”. Chiunque sia ancora nel pieno mood dell’app farà bene a salvare altrove foto, video e altri file condivisi sinora, perché dal 1 giungo non si potrà nemmeno più accedere alla cronologia delle conversazioni.

Cosa succederà a BBM

“Siamo grati per il vostro supporto e desideriamo ringraziare tutti, in particolare i nostri utenti, partner e dipendenti, che hanno fatto parte del percorso di crescita e affermazione di BBM. Ci auguriamo che ricorderete con affetto ciò che Messenger ha rappresentato per noi, contribuendo a modellare le forme della comunicazione che è diventata oggi”. Le parole di BlackBerry non sono esagerate: la piattaforma è apparsa per la prima volta nel 2005, molto prima che fosse inventata un’alternativa moderna, come WhatsApp o Facebook Messenger.

Alla fine però, la competizione si è rivelata troppo grande. Quello che è importante è che, per ancora un anno, BlackBerry Messenger Enterprise continuerà a fare il suo lavoro, sia su iOS che Android, gratuitamente, mentre dopo vi sarà la possibilità di una sottoscrizione periodica a pagamento. Non siamo sicuri però che ne valga del tutto la pena, con i recenti aggiornamenti che hanno reso servizi concorrenti versatili, duttili ma, soprattutto, molto più sicuri che in passato.

Leggi anche:  Mobile, cloud e big data guidano l’evoluzione di ERP e CRM