Windows Media Center SDK arriva su GitHub

Windows Media Center SDK arriva su GitHub

Un ex sviluppatore di Microsoft pubblica il codice sorgente del programma che è stato abbandonato con Windows 10, per lasciar spazio alla piattaforma Xbox

Come sappiamo, Windows Media Center è stato gradualmente abbandonato con Windows Vista e Windows 7. Solo con Windows 8, dove era disponibile come download opzionale, e Windows 10, non abbiamo più visto un segno di uno strumento che, a conti fatti, oggi sarebbe un rivale in casa della piattaforma Xbox, che ha acquistato un senso anche sui PC Windows. Ad ogni modo, un ex sviluppatore e manager del programma, ha deciso di caricare e condividere con tutti via GitHub il codice sorgente, per conservare a futura memoria lo strumento che per anni ha permesso di gestire al meglio la proprio galleria multimediale e non solo (anche il live delle TV via cavo).

Come funziona

L’idea di Windows Media Center era piuttosto buona: prendere il PC e piazzarlo fisso su una scrivania, così che diventasse un centro multimediale cross-platform. Tuttavia, DLNA, streaming e una gamma di prodotti più forti e creati ad hoc, pensiamo a Roku, hanno reso WMC sempre meno popolare e, diciamolo, inutile. Ciononostante, l’amore dei fan ha mantenuto viva la memoria del programma, tanto che sono nate nel tempo versioni ottimizzate, ovviamente non ufficiali, per Windows 10. L’aggiunta del codice sorgente a GitHub non è supportata da Microsoft ma fino ad oggi non si sono alzate critiche o segnalazioni a riguardo, anche se il progetto è licenziatario, quindi in teoria potrebbe essere soggetto alle limitazioni del caso.

Anche perché molti utenti speravano che Media Center diventasse una parte di Windows 10 in quanto era disponibile come componente aggiuntivo a pagamento per Windows 8 e 8.1. Tuttavia, essendo non più supportato dal produttore, la possibilità di riportarlo sul sistema operativo non potrà che essere ben accolta dai nostalgici o semplicemente da chi non si accontenta di un semplice dongle per la TV, volendo usare il PC per (quasi) tutto.

Leggi anche:  Huawei? L’alternativa ad Android sarà più veloce